27.4 C
Torino
martedì, 4 Agosto 2020

Coronavirus, Grimaldi (LUV): “Ammortizzatori agli esclusi dal Cura Italia”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“L’elenco dei beneficiari del ‘Cura Italia’ è ampio ma incompleto: circa 200 mila piemontesi sono rimasti senza stipendio, serve immediatamente un sostegno al reddito per permettere a tutti loro di attraversare l’emergenza occupazionale legata al coronavirus” – dichiara il Capogruppo di Liberi Uguali Verdi, Marco Grimaldi, il quale ha depositato un ordine del giorno – presentato durante l’ultima seduta d’Aula e in discussione nella prossima – per estendere le misure di sostegno al reddito anche alle categorie di lavoratori escluse.

“Innanzitutto servono fondi straordinari per estendere gli ammortizzatori sociali (una cassa integrazione in deroga) a colf, badanti e collaboratrici domestiche (circa 67 mila persone, di cui il 92 per cento sono donne) che al momento non stanno lavorando a causa delle restrizioni . A quanto pare – e me lo auguro – questi aiuti potrebbero essere introdotti dal prossimo decreto del Governo”, prosegue Grimaldi.

- Advertisement -

“Ma non solo: in Piemonte ci sono 32 mila stagisti e tirocinanti con contratti formativi da 600 euro al mese in media, che per motivi tecnici non possono proseguire lo stage in smart internshipping e oggi sono rimasti senza copertura; e poi: ventimila lavoratori intermittenti del settore culturale, del tempo libero e legati alla produttività del fine settimana (commessi, personale di cucina, camerieri, baristi, o impiegati negli alberghi) che sono esclusi di fatto dal Cura Italia a causa delle restrizioni in termini di giorni lavorati nell’anno. Ci sono inoltre circa 40.000 dei 200.000 lavoratori a tempo determinato e somministrati in Piemonte a cui non verrà prorogato il contratto: si tratta di quei lavoratori al primo contratto entro i 12 mesi a cui i datori non saranno in grado di rinnovare il rapporto. Infine, esclusi dagli aiuti restano appunto i lavoratori occasionali, riders, ritenute d’acconto, promotori nei supermercati, nei centri commerciali e in strada, guide turistiche, veri ‘figli di nessuno’ esclusi da ogni aiuto, così come gli agenti e i rappresentanti di commercio”.

- Advertisement -

“Per tutti loro – afferma Grimaldi – la Regione deve prevedere uno stanziamento straordinario una tantum (nel caso dei tirocinanti un’indennità) per far fronte alla mancanza di reddito. Dobbiamo muoverci subito, affinché nessuno resti indietro”.
Poi c’è il tema della frammentazione dei contratti di lavoro: “non è colpa solo del ‘Cura Italia’ se molti lavoratori vengono lasciati fuori dalle sovvenzioni – prosegue Grimaldi – il mondo del lavoro è estremamente frastagliato e spezzettato; negli anni è stata creata una giungla normativa nella quale è difficile per tutti riuscire a raccapezzarsi. Noi lo diciamo da tempo” – conclude Grimaldi – “il mondo del lavoro, oltre a essere ingiusto, ha bisogno di un profondo ripensamento; l’emergenza Covid ci ha presentato tutti i problemi che da tempo denunciamo, dovremo ripensarlo completamente”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Mauro Berruto: “Unità indispensabile per la squadra di Torino 2021”

Per cogliere nel segno, quasi mai l'arciere punta al centro dell'obiettivo. Tende l'arco. La freccia, quando vola, ha un comportamento aerodinamico sorprendentemente metaforico....

Prefettura e Regione fermano nuovi arrivi di migranti in Piemonte

Non ci saranno altri arrivi di migranti in Piemonte. È questo il risultato dell'esito dell'incontro in Prefettura tra il prefetto di Torino...

Concorso per dirigenti del Comune di Torino: candidati denunciano errori nella procedura

A seguito della pubblicazione da parte del nostro giornale dell’articolo sulla prima fase del concorso per dirigenti del Comune di Torino sono...

Coronavirus: Piemonte +15 positivi e nessun decesso

Sono 15 le nuove positività al Coronavirus registrate oggi in Piemonte. Sei sono asintomatiche. Tre dei casi sono importati. E' quanto si...

La guerra del retino. “Se non fermi tuo figlio hai meno neuroni del granchietto che ha messo nel secchiello”

“Vuoi insegnare a tuo figlio che non è normale e non è un gioco far morire in un secchiello un granchietto dopo...