17.6 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Condannati in primo grado a due anni e due mesi due attivisti No Tav

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sono stati condannati a due anni e due mesi i due attivisti No Tav arrestati il 30 agosto in Val Susa perché in possesso di materiale esplodente. Davide Forgione di Torino e Paolo Rossi di Bergamo erano stati fermati mentre erano a bordo di un’automobile, prima di una manifestazione notturna contro il cantiere Tav alla Maddalena. Durante la perquisizione era stato ritrovato del materiale “sospetto”, che secondo l’accusa sarebbe servita a confezionare “oggetti esplosivi e incendiari per un attacco alle reti”.
Per questo i pubblici ministeri Antonio Rinaudo e Andrea Padalino avevano chiesto una condanna a sei anni. Invece il giudice, pure accogliendo parti della tesi dei due magistrati, ha ridotto la pena a due anni e due mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano