18.1 C
Torino
venerdì, 12 Luglio 2024

Combattere il Coronavirus con un codice QR digitale. Ecco come funziona

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La nostra vita potrà essere totalmente dipendente da un’applicazione per smartphone. Proprio tutto: dall’uscita di casa al prendere i mezzi pubblici.

E ancora: entrare in ufficio o in fabbrica, prendere un caffè al bar, pranzare o cenare al ristorante. Tornare a casa. Tutto potrebbe dipendere da quest’applicazione. O meglio: dai colori del semaforo sullo schermo: Verde: sei libero di entrare. Rosso: ti è vietato l’ingresso.

Questo è quanto sta già avvenendo in Cina, primo Paese colpito dal Coronavirus che già in piena emergenza ha adottato questo metodo e che potrebbe diventare “per sempre”.

Basandosi sulla tecnologia mobile e sui big data, il governo cinese ha utilizzato un sistema di “codice sanitario” basato sul colore per controllare i movimenti delle persone e frenare la diffusione del coronavirus. I codici di risposta vengono generati rapidamente attraverso codici QR, che vengono assegnati ai cittadini come indicatore del loro stato di salute.

In Cina ci sono persone senza applicazione costretti per questo a restare chiusi in casa. Insomma, nonostante le cose vadano meglio in Cina codici a barre quadrati sono rimasti in vigore e continuano a governare la vita delle persone.

Seguendo l’esempio della Cina, anche altri governi si sono rivolti a tecnologie simili per combattere il virus. Singapore il mese scorso ha lanciato un’app per smartphone per tracciare i contatti, che consentirebbe alle autorità di identificare le persone che sono state esposte a pazienti Covid-19. Il governo giapponese sta valutando l’adozione di un’app simile. Mosca ha anche introdotto un sistema di codice QR per tenere traccia dei movimenti e imporre il blocco del coronavirus.

“La tecnologia ora gioca un ruolo fondamentale nel contenere la pandemia”, ha detto a CNN Business Xian-Sheng Hua, un esperto di intelligenza artificiale del colosso cinese di e-commerce Alibaba. “Per fermare la diffusione del virus, il tracciamento dei contatti è un passaggio essenziale ed è per questo che iniziative simili vengono adottate in luoghi in tutto il mondo”, ha aggiunto Xian-Sheng.

Il governo cinese ha chiesto l’aiuto dei due giganti di Internet del paese – Alibaba (BABA) e Tencent (TCEHY) – per ospitare i sistemi di codici sanitari sulle loro famose app per smartphone.

L’app di pagamento mobile di Alibaba Alipay e l’app di messaggistica di Tencent Wechat sono entrambe onnipresenti in Cina, ognuna utilizzata da centinaia di milioni di persone. Posizionare i codici sanitari su queste piattaforme significa un facile accesso per molti.

Hangzhou, una città costiera nella provincia orientale dello Zhejiang dove ha sede Alibaba, è stata tra le prime città a utilizzare i codici sanitari per decidere quali cittadini dovrebbero andare in quarantena. Il sistema è stato lanciato l’11 febbraio da Alipay.

Per ottenere un codice sanitario, i cittadini devono inserire i propri dati personali, inclusi nome, numero di identità nazionale o numero di passaporto e numero di telefono su una pagina di iscrizione. Gli viene quindi chiesto di riportare la storia dei loro viaggi e se sono entrati in contatto con pazienti Covid-19 confermati o sospetti negli ultimi 14 giorni. Devono anche spuntare le caselle per eventuali sintomi che potrebbero avere: febbre, affaticamento, tosse secca, naso chiuso, naso che cola, mal di gola o diarrea.

Dopo che le informazioni sono state verificate dalle autorità, a ciascun utente verrà assegnato un codice QR in rosso, giallo o verde.

Gli utenti con un codice rosso devono entrare in quarantena o auto-quarantena governativa per 14 giorni, gli utenti con un codice ambra verranno messi in quarantena per sette giorni, mentre gli utenti con un codice verde possono spostarsi liberamente in città.

I codici sanitari possono anche fungere da tracker per le mosse delle persone nelle aree pubbliche, poiché i codici QR vengono scansionati quando entrano in luoghi pubblici. Una volta diagnosticato un caso confermato, le autorità sono in grado di risalire rapidamente alla posizione del paziente e identificare le persone che sono state in contatto con quella persona.

Nel frattempo, Tencent ha anche sviluppato un sistema di codice QR di salute simile su Wechat, introdotto per la prima volta all’inizio di febbraio nella città meridionale di Shenzhen, dove ha sede Tencent. Entro una settimana dal suo lancio, i codici sanitari di Alipay sono stati implementati in oltre 100 città in tutto il paese, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa statale Xinhua.

Il 15 febbraio, l’ufficio di e-government sotto il Consiglio di Stato ha incaricato Alipay di accelerare lo sviluppo di un codice QR per la salute da implementare a livello nazionale, ha detto Xinhua.

“Una rete digitale per la prevenzione delle epidemie si sta diffondendo su larga scala con la velocità cinese”, afferma il rapporto Xinhua.

Alla fine di febbraio, oltre 200 città avevano adottato questi codici QR, secondo Alipay. Il sistema di codice sanitario di Tencent si è inoltre esteso a più di 300 città a partire dal mese scorso, secondo il Science and Technology Daily gestito dallo stato.

Il 1 ° marzo, Pechino ha lanciato la sua versione del codice QR a tre colori, accessibile tramite Alipay e Wechat. Oltre a fornire il loro nome e numero ID, gli utenti devono anche registrarsi con il riconoscimento facciale per ottenere il loro codice colorato. I codici sanitari hanno anche svolto un ruolo centrale nella graduale revoca delle restrizioni di viaggio nella provincia di Hubei, dove circa 60 milioni di persone hanno subito restrizioni di movimento a seguito di blocchi a fine gennaio.

Il 10 marzo, la provincia ha emesso i suoi codici sanitari per i residenti che vogliono viaggiare all’interno della provincia.

I colori sono assegnati in base al database provinciale di controllo dell’epidemia: le persone a cui è stato diagnosticato un caso confermato, sospetto o asintomatico o che hanno la febbre riceveranno il codice di colore rosso; i loro contatti stretti riceveranno il codice giallo; e le persone senza alcuna registrazione nel database riceveranno il codice verde, il che significa che sono sani e sicuri da viaggiare.

I colori dei codici QR determinano la libertà di movimento delle persone: i titolari di codici verdi sono autorizzati a viaggiare all’interno della provincia, i titolari di codici ambra non sono autorizzati a viaggiare e i titolari di codici rossi saranno trattati e messi in quarantena.

Tutti i residenti e i visitatori che lasciano Hubei e Wuhan devono avere un codice QR verde sui loro telefoni.

Come per tutti i prodotti tecnologici, l’app per la salute non è perfetta: può fare errori e assegnare agli utenti il codice colore errato e costringere le persone sbagliate a mettere in quarantena. Ad Hangzhou, la città in cui sono stati introdotti per la prima volta i codici sanitari di Alipay, alcuni residenti si sono lamentati sui social media di aver ricevuto il codice rosso per una ragione sbagliata, come spuntare “naso chiuso” o “stanchezza” nella pagina di iscrizione , nonostante siano anche sintomi del raffreddore e dell’influenza comuni.

Pochi giorni dopo il suo lancio, le autorità di Hangzhou hanno dichiarato in una nota che la hotline del sindaco aveva ricevuto troppe chiamate da persone che avevano domande sui loro codici e aveva quindi creato un’applicazione online per le persone che chiedevano una revisione dei loro codici assegnati. Mentre i cinesi riprendono a viaggiare sotto l’abolizione delle misure di blocco, è sorto un altro problema: non tutte le città e province riconoscono reciprocamente i codici sanitari.

Sebbene i codici QR abbiano tutti gli stessi tre colori e siano sviluppati dalle stesse società, si basano su diversi database Covid-19 istituiti dalle autorità locali.

Poiché i database non sono condivisi tra i governi locali e poiché diversi governi potrebbero avere standard diversi per l’assegnazione dei colori, alcuni sono stati riluttanti a riconoscere i codici sanitari da altri luoghi, secondo il Legal Daily gestito dallo stato.

Un residente di Hubei, tornato nella provincia di Guizhou per lavorare a fine marzo dopo la revoca del blocco, ha dichiarato al Legal Daily che avrebbe dovuto subire altri 14 giorni di quarantena a Guizhou, anche se aveva un codice sanitario verde da Hubei dopo una quarantena di 14 giorni lì. Guizhou non riconosce i codici sanitari di Hubei, afferma il giornale.

Per affrontare il problema, il governo centrale ha lanciato un “codice di prevenzione delle epidemie” nazionale. Ha anche caricato un database nazionale di casi Covid-19 confermati e sospetti e i loro stretti contatti su una piattaforma centralizzata, nella speranza che i governi locali possano riconoscere i rispettivi codici sanitari attraverso la condivisione dei dati, secondo Mao Qunan, un funzionario della National Health Commission.

“Abbiamo realizzato il reciproco riconoscimento e la condivisione dei dati di base”, ha detto Mao a un addetto stampa il 21 marzo.

Ci sono anche preoccupazioni sulla privacy. I codici sanitari si basano su reperti di dati che le autorità hanno raccolto da singoli individui, inclusi i loro dati personali, posizione, cronologia dei viaggi, contatti recenti e stato di salute.

“Tutto ciò che mi interessa è se le nostre informazioni personali saranno trapelate e se la nostra sicurezza delle informazioni può essere garantita”, ha dichiarato Han Dongyan, utente di Weibo, dei codici sanitari.

Zhu Wei, un esperto legale dell’Università cinese di scienze politiche e giurisprudenza, ha difeso i codici sanitari in un’intervista con il Guangming Daily, gestito dallo stato. Ha affermato che i codici sanitari sono stati confermati dalla legge cinese sulla sicurezza di Internet perché gli utenti sono consapevoli della raccolta dei loro dati e perché il governo è stato coinvolto nel processo.

Jason Lau, un esperto di privacy e professore presso la Baptist University di Hong Kong, ha affermato che le autorità cinesi devono assicurarsi che i codici sanitari soddisfino i principali principi sulla privacy dei dati. Ad esempio, i dati raccolti dovrebbero essere “proporzionati allo scopo da raggiungere”. Ha anche sollevato la questione se i codici – e tutte le informazioni personali raccolte – rimarranno qui anche dopo che la pandemia è passata.

“Come possiamo determinare quando finisce la vera pandemia? Quindi, ad esempio, il governo e le aziende che stanno raccogliendo questi dati – chi è la persona che sarà quella che dice: ‘OK, la pandemia è finita, cancelliamo i dati, no memorizzare più dati personali “, ha dichiarato Lau.

Liu Yuewen, un esperto di big data che lavora per la polizia nella provincia meridionale dello Yunnan, ha dichiarato in una conferenza stampa di febbraio che i dati del codice sanitario sarebbero stati distrutti quando gli sforzi per controllare l’epidemia fossero terminati.

“Nessuno sarà in grado di vedere alcun dato senza il permesso del quartier generale di prevenzione e controllo delle epidemie”, ha detto, ha riferito il Beijing News appoggiato dallo stato in quel momento.

Alcune città hanno già iniziato a rimuovere i codici sanitari da alcune parti della vita dei residenti. Ad Hangzhou, dove sono stati inizialmente lanciati i codici QR, il governo ha annunciato il 21 marzo che i residenti non sono più tenuti a mostrare i loro codici sanitari in luoghi pubblici, come stazioni della metropolitana, centri commerciali e hotel.

Ma in molti altri luoghi, come Pechino e Shanghai, i piccoli codici a barre quadrati decidono ancora dove le persone possono e non possono andare nella loro vita quotidiana.

 

Fonte Cnn Business

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano