22.2 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Claviere, minacce al parrocco e al sindaco. Solidarietà da Ricca e Allasia

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Minacce al parroco e al sindaco di Claviere, in provincia di Torino. La scorsa notte sui muri della chiesa del paese nell’alta Valle di Susa sono apparse delle scritte. “Don Angelo vai all’inferno. La Chiesa è complice delle morti alla frontiera”, “Assassini”, “Fuoco alle frontiere”. Secondo gli inquirenti si tratterebbe di un’azione riconducibile all’area anarchia, che protestano contro le frontiere e contro lo sgombero della parrocchia, occupato a marzo 2018 per farne un rifugio autogestito per migranti.

Immediata la solidarietà dell’assessore regionale Fabrizio Ricca e del presidente del consiglio regionale del Piemonte Stefano Allasia.

«Disprezzo per le istituzioni, per i luoghi di culto, per le persone. Questo il messaggio che gli anarchici hanno voluto mandare a Claviere imbrattando con scritte e minacce la chiesa della città. Ci auguriamo che i responsabili di questo gesto siano immediatamente individuati e chiamati a rispondere per questi comportamenti violenti e intimidatori – commenta l’assessore regionale alla Sicurezza Fabrizio Ricca. «La nostra solidarietà va al parroco, verso cui erano indirizzati slogan violenti e inquietanti – aggiunge Ricca – non è tollerabile che figli di papà che giocano a fare la rivoluzione deturpino una chiesa e rimangano impuniti».

Allasia sottolinea la sua «piena solidarietà e vicinanza al parroco di Claviere Angelo Bettoni e al sindaco Franco Capra per le minacce subite. Non è ammissibile che gruppi di anarchici siano liberi di minare la tranquillità di una comunità e deturpare addirittura un luogo sacro. Tolleranza zero, mi auguro che i responsabili siano immediatamente identificati e chiamati a rispondere per questi comportamenti vili e intimidatori».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano