26.9 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Chiamparino lascia la presidenza della Compagnia di San Paolo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sergio Chiamparino si prepara a correre per le regionali piemontesi. L’ex sindaco di Torino dopo la sua incoronazione da parte di Matteo Renzi, come promesso e annunciato nei giorni scorsi, si è dimesso da presidente della Compagnia di San Paolo.
L’ormai scontato passo indietro è stato annunciato durante la riunione del Consiglio generale della Fondazione a Villa Abegg. E così come da prassi il vice presidente Luca Remmert ha assunto l’incarico prima ricoperto da Chiamparino.
Ora le tappe sono già fissate: il 10 febbraio il Consiglio ha chiamato a riunirsi per eleggere un nuovo presidente.
Prima che l’ex sindaco formalizzasse le sue dimissioni, c’è stato un incontro informale tra l’ad di Intesa San Paolo, Carlo Messina e i consiglieri della Fondazione per presentare la situazione della banca.
Per “salutare” il dimissionario presidente della Compagnia Fratelli d’Italia ha organizzato un flash mob davanti alla villa sulla collina torinese al motto di «Chiamparino: tante facce, un solo debito! #indebitatorchiampa».
«Che si cerchi un sindaco, un banchiere, un politico trasversale ovvero un candidato governatore è sempre Chiamparino ad avere la meglio facilità – commenta in una nota il portavoce piemontese di Fdi, Agostino Ghiglia- il sistema delle porte girevoli della sinistra torinese è quanto mai oliato: si entra e si esce dalla politica alla bisogna, con grandissima facilità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano