27.3 C
Torino
giovedì, 2 Luglio 2020

Caso Pasquaretta, per i magistrati la prestazione al Salone sarebbe “inesistente”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Torino, scoppia la rivolta contro la polizia in corso Giulio. Quattro anarchici fermati (VIDEO)

Secondo gli anarchici si è trattato di un sopruso delle forze dell'ordine, mentre la polizia replica che il tutto sarebbe scoppiato per impedire l'arresto...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società, di cui è il direttore dal 2017.

“Una prestazione inesistente”, questa sarebbe l’ipotesi di accusa della Procura di Torino nell’inchiesta, coordinata dal pubblico ministero Gianfranco Colace, che vede indagati Luca Pasquaretta, portavoce della sindaca di Torino Chiara Appendino e Mario Montalcini, vicepresidente della Fondazione del Salone del Libro all’epoca dei fatti.
Pasquaretta ricevette dal Salone, nel 2017, cinquemila euro per un consulenza che, secondo i magistrati, non si sarebbe svolta realmente. Il portavoce è finito nel registro degli indagati con l’ipotesi di reato di peculato, in concorso con Montalicini. Per la consulenza Luca Pasquaretta, che ha restituito il denaro dopo che la vicenda venne resa pubblica, doveva prestare la sua opera per 80 ore di lavoro in quindici giorni, dal 16 al 31 maggio 2017.
Nello stesso periodo però avrebbe timbrato il cartellino di presenze in Comune per circa 160 ore e, sempre secondo gli orari di entrata e di uscita, alcuni giorni avrebbe lavorato a Palazzo addirittura 13 ore.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Torino 2021, la Lega pronta a governare la città

La Lega torna in strada a Torino. Dopo i mesi di lockdown che hanno costretto allo stop delle iniziative sul territorio parte...

Prodi: “Non serve lo scontro generazionale per costruire un futuro su basi solide”

“E’ solo dalla proposta, dai contenuti che può nascere una classe dirigente. Il generico cambiamento non rinnova le cose”. Con la consueta...

Tav, Lubatti (Azione): “De Micheli esca dall’ambiguità e passi ai fatti”

Sulla vicenda Tav interviene Claudio Lubatti, referente Nazionale Infrastrutture Azione il partito fondato da Carlo Calenda e Matteo Richetti.Lubatti chiede che sulla...

Raffaele Gallo (Pd): “Torino 2021 offra un progetto di sviluppo per l’intera area metropolitana”

Dal primo giugno copre la carica di capogruppo in consiglio regionale del Piemonte. Raffaele Gallo conduce col Partito Democratico a Palazzo Lascaris,...

Discriminazione omofobica all’Acquapark di Orbassano: dopo le scuse un gruppo formazione del Torino Pride istruirà i dipendenti

Martedì 25 giugno 2020, presso la piscina Blu Paradise Acquapark di Orbassano ad una coppia omogenitoriale, che ha trascorso la giornata con...