18.7 C
Torino
domenica, 20 Settembre 2020

Carceri, dimissioni di Basentini: ora volano gli stracci

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Comunicato Stampa
Comunicato Stampa
Puoi inviare il tuo comunicato stampa all'indirizzo redazione@nuovasocieta.it

Da ieri sera si rincorrono indiscrezioni circa le dimissioni del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Francesco Basentini. Anche nostre autorevoli fonti confermano la notizia, che a questo punto riteniamo ufficiale.

A parlare è Gennarino De Fazio, per la UILPA Polizia Penitenziaria nazionale, che aggiunge: “lo abbiamo detto settimane fa e lo ripetiamo, nello sfacelo del sistema penitenziario il Capo del DAP ha di certo avuto le sue responsabilità per quanto accaduto di recente, negarlo vorrebbe dire svilirne e sminuirne la figura, ma allo stesso modo attribuire a lui tutti i mali del sistema, che sono molto risalenti nel tempo e derivanti, in particolar modo, dalla disattenzione della politica, sarebbe pretestuoso, fuorviante e, soprattutto, non ne agevolerebbe le soluzioni”.

- Advertisement -

“In altre parole – spiega De Fazio –, non ci illudiamo che la sostituzione del Capo del DAP e la nomina di un Vice Capo, pur di riconosciuto spessore, da soli possano essere la soluzione. È necessaria una maggiore attenzione della politica, che non può accendere i riflettori solo quando accadono rivolte o, magari, quando a causa di presunte intempestività viene scarcerato qualche boss di mafia; questi sono episodi gravissimi ed eclatanti, ma tutto sommato limitati nel numero; l’inefficienza e l’inefficacia del sistema vanno invece ricercate nelle decine di storture quotidiane, magari di minore entità se prese singolarmente e che per questo non assurgono alla ribalta della cronaca, ma che finiscono col minare alle fondamenta ogni possibilità di perseguimento dei fini istituzionali”.

- Advertisement -

“E in tutto questo – prosegue i leader della UILPA Polizia Penitenziaria – a farne le spese sono anche gli operatori, specie quelli del Corpo di polizia penitenziaria, che si vedono schiacciati fra l’improduttività dell’apparato e il dovere di assolvere al proprio compito nell’alveo delle finalità della pena sancite dalla Carta”.

“Ci auguriamo, dunque, – conclude De Fazio – che le dimissioni di Basentini non rappresentino un punto di arrivo e non facciano sentire nessuno appagato, ma che al contrario siano da monito per chi adesso dovrà assumere la guida del DAP e, soprattutto, il preludio a un’indispensabile svolta politica che si chiede in primis al Ministro della Giustizia Bonafede”.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Il Covid svela il segreto di Pulcinella: precariato usato, abusato, malpagato

L'emergenza Covid sbatte in faccia, a chi faceva finta di non vedere, l'uso e l'abuso del precariato nel mondo del lavoro che...

Recovery Fund e agricoltura, Carenini (Cia Piemonte): “Fondi per rilanciare il settore”

Agricoltura, patrimonio della nostra economia. Un settore che durante il lockdown non si è è fermato, e che oggi conta di poter...

Febbre a scuola, il Tar respinge il ricorso del Ministero contro l’ordinanza di Cirio

Il Tar del Piemonte non ha accolto la richiesta del Governo di una sospensiva d’urgenza in via monocratica per l’ordinanza della Regione...

No Tav, Dana Lauriola è stata arrestata. Tensione tra attivisti e polizia a Bussoleno

E' avvenuto questa mattina all'alba l'arresto di Dana Lauriola, storica attivista No Tav e militante del centro sociale Askatasuna, condannata a due...

RU 486, Appendino contro la Regione: “Becera propaganda sul corpo delle donne”

La sindaca di Torino Chiara Appendino interviene in merito alla proposta della giunta regionale del Piemonte di abolire la somministrazione della pillola...