25 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

Caos rifiuti, Petrarulo propone ecoisole senza tessera: “Sempre aperte per evitare discariche a cielo aperto”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Ecoisole si, ma senza tessera elettronica per accedervi. E’ questa la soluzione proposta dal consigliere comunale di Forza Italia Raffaele Petrarulo per evitare il caos rifiuti che si sta verificando in alcune zone della città. 

“E’, purtroppo, sotto gli occhi di tutti il malfunzionamento di tale sistema nei quartieri ad esempio di San Salvario e San Donato, dove moltissimi rifiuti, anziché essere inseriti attraverso l’utilizzo di una tessera/badge nelle ecoisole vengono abbandonati a lato delle medesime o nei loro dintorni, offrendo così uno spettacolo a dir poco indecoroso” spiega Petrarulo presentando la sua proposta di mozione. .

“Uno dei problemi rilevati, infatti, consiste proprio nel non riuscire a fornire a tutti, per i motivi più svariati, le tessere che permettono l’utilizzo di tale sistema. La presenza di molti cittadini irregolari, nelle circoscrizioni 6 e 7, dove dovrebbe partire la sperimentazione, che quindi non sarebbero raggiunti da tale dispositivo, potrebbe portare a riproporre  così la drammatica situazione che si sta verificando proprio in San Salvario e  in San Donato”.

Per questo Raffaele Petrarulo ha presentato una proposta di mozione alla Sindaca “perchè intervenga nella programmazione dell’installazione delle ecoisole proponendo ad Amiat di posizionare, in tale parte del territorio, dispositivi sempre aperti  affinché tutti possano usufruirne e non si ripresentino situazioni di discariche a cielo aperto”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano