27.7 C
Torino
mercoledì, 17 Luglio 2024

Calano reati a Torino: -6,6% rispetto al 2018

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

I dati raccolti dalla questura di Torino dicono che nel capoluogo piemontese i reati sono calati.
In occasione del 168esimo anniversario della fondazione della Polizia di Stato sono state presentate le statistiche che parlano di un -6,66%, tra il febbraio del 2019 e il febbraio 2020, rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente.
Il totale dei delitti registrati è di 112.722 a fronte degli oltre 120 mila del 2018/19. Continuano ad essere in maggioranza i reati contro il patrimonio (il 78% del totale) ma anche qui, a seconda della tipologia, vi è stata una diminuzione: i furti sono stati 50.485 (-10,78%) e le rapine 1.311 (-21,50%) di cui 82 nelle case.
In termini percentuali il calo più consistente riguarda le estorsioni con -29%. Quanto ai reati contro la persona, sono stati 6.012 (-3,78%). Le violenze sessuali sono state 207, gli omicidi 9 e i casi di sfruttamento della prostituzione 43 (venti in meno).

Sono stati 3.337 gli arresti nel periodo fra il marzo del 2019 e il febbraio del 2020. Il dato (che marca un +27,04% rispetto al periodo precedente).
Aumentano anche le denunce a piede libero, passate da 8.009 a 8.678. Per il controllo del territorio sono state impegnate in tutto 32 mila volanti, con una media di 85 pattuglie al giorno. Le richieste al numero unico per le emergenze 112 sono state 98 mila e gli interventi della polizia sono stati 55 mila.
Gli “avvisi orali” sono stati 223, i “fogli di via” 352, i “Daspo urbani” 9 e quelli legati a episodi di violenza durante le manifestazioni sportive 254. In tutto sono stati confiscati beni per oltre 290 milioni di euro.
Quanto agli “ammonimenti” del questore, 49 hanno riguardato casi di stalking, 170 le violenze domestiche e 4 il cyberbullismo. Sul fronte della lotta alla droga si registra un’impennata di sequestri di eroina: 11,94% (+153%).
In forte aumento anche i sequestri di cannabinoidi: 973 kg a fronte dei 562 del periodo precedente (+73,11%).

Per effetto delle disposizioni anti coronavirus, la festa della polizia è stata celebrata questa mattina con la deposizione della corona d’alloro al cippo degli agenti caduti nella lotta alla criminalità e il terrorismo, nel cortile della Questura. nessuna cerimonia solenne aperta al pubblico, nessun intervento delle autorità, la sola commemorazione nella corte della Questura. Insieme al sacerdote che officiava, don Gaetano, c’erano il questore Giuseppe De Matteis e il prefetto Claudio Palomba.

“A causa dell’emergenza Covid-19 – spiega una nota della Questura – il nostro Paese sta attraversando uno dei momenti più difficili della sua storia. In questa fase delicata, i valori e l’impegno profuso dalle donne e dagli uomini della Polizia di Stato a sostegno della collettività non hanno alcuna interruzione. Ancora più pertinente è, quindi, in questo momento della nostra storia lo slogan ‘EsserciSempre'”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano