21.9 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Bus elettrici, Gtt: “Documentazione non corretta di un concorrente, ma in primavera circoleranno i nuovi mezzi”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

E’ lo stesso Gruppo Torinese Trasporti intervenire sulla vicenda dei bus elettrici attesi per la prossima primavera e nella cui gara di appalto sono state riscontrate irregolarità in uno dei concorrenti. L’azienda di corso Turati spiega l’accaduto e precisa che ciò non pregiudicherà l’arrivo dei mezzi. 

“Riguardo alla gara per i 100 bus elettrici Gtt ha seguito la legge che prevede la verifica dei requisiti dopo l’aggiudicazione provvisoria ed escluso un concorrente che e’ risultato non avere requisiti necessari. Non significa affatto che gli autobus elettrici non possano circolare la prossima primavera a Torino. La gara non è stata né cancellata, né annullata. Si è semplicemente “cacciato” un concorrente che non ha dichiarato quanto dovuto, segnalando il fatto anche alla magistratura. 

Cosa succede ora? Già in questa fase gli uffici legali di Gtt hanno compiuto quasi tutte le verifiche legali sul secondo classificato, BYD Europe. Per questo al massimo entro la fine di ottobre si avranno gli esiti definitivi di tali verifiche e se tutto ok si potrà partire con la procedura per la firma del contratto.

Sono tempi che consentono di rispettare le indicazioni relative all’arrivo dei mezzi nella primavera 2021.

Rimane l’incognita dei ricorsi che prima non era affatto assente in quanto già oggi i concorrenti avevano avanzato richieste al Tribunale Amministrativo Regionale. 

Occorre tenere conto di questo ulteriore aspetto ma anche dell’attenzione dimostrata ancora recentemente dal Tar Piemontese in relazione a pronunciamenti relativi a gare di pubblico interesse. Si tratta quindi di condizioni non diverse da quelle di altre gare.

In ogni caso parlare di tempi lunghissimi o di annunci che non corrispono alla realtà non è realistico. La rivoluzione green di Gtt è cominciata con l’acquisto dei primi bus elettrici, sta proseguendo con l’arrivo dei nuovi tram e avrà un ulteriore momento importante con i primi 100 bus elettrici. Forse prima di quanto ci si potrebbe aspettare. Noi lavoriamo “giorno e notte” per questo”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano