1.5 C
Torino
venerdì, 4 Dicembre 2020

Rigenerazione urbana, Laus: “Politiche abitative affianchino quelle al welfare”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA

I costi dell’abitare stanno ipotecando il futuro di tanti giovani e di tante famiglie. Al contempo, i costi del degrado stanno ipotecando il futuro di tante realtà urbane, piccole e grandi. 
Intervenire sulla fragilità di città e cittadini, insieme, con politiche integrate, è la sfida su cui il senatore democratico torinese Mauro Laus, sta lavorando in Senato. L’idea del senatore è quella di attuare un intenso programma di edilizia abitativa finalizzato all’incremento di patrimonio a prezzi sostenibili, ma da realizzare esclusivamente nella cornice delineata dal Green New Deal ovvero in ambiti di rigenerazione urbana, dove l’assenza del consumo del suolo e la sostenibilità siano le parole d’ordine.

Senatore, da dove nasce la sua proposta al governo?
“Dal numero crescente di persone e di famiglie direttamente toccato dal problema della casa. Un problema che sempre più assume contorni emergenziali. L’emergenza si manifesta con fenomeni quali l’aumento del numero di morosità, di alloggi di fortuna e baraccopoli; la crescita di disagio sociale diffuso, di processi di indebitamento e di impoverimento delle famiglie. Sempre più numerose inoltre sono le persone che, pur disponendo di un reddito o di una pensione, non sono in grado di sostenere i costi dell’abitare, cosa che condiziona le scelte e la qualità della vita. Dunque la questione abitativa, incidendo di fatto sulla coesione sociale e sulla competitività, ha un impatto complessivo sullo sviluppo delle città e sulla crescita del Paese”.

Al centro dunque di questo disegno il bisogno delle persone, da cui deve poi derivare un ragionamento sugli spazi: come attuare in concreto questo passaggio dalle persone ai luoghi?
“Sono convinto si debba puntare sul patrimonio immobiliare esistente che vanta un potenziale largamente inespresso: si pensi ad esempio alla riconversione di aree produttive dismesse, che in tante esperienze europee ha portato a far rivivere interi paesaggi, portando con sé non solo una promessa di rilancio economico ma anche un miglioramento generale della condizione sociale e ambientale dei territori”.

Lei propone una strategia integrata di politiche di welfare e politiche urbanistiche: in che cosa consiste il programma che porterà in Senato?
“Il mio programma prevede misure di sostegno alla domanda abitativa, quindi sconti su affitti e mutui per chi è in condizione di maggiore fragilità, e al tempo stesso misure di sostegno all’offerta abitativa, ovvero erogazioni sui mutui contratti dai soggetti attuatori degli interventi di costruzione”.

Cominciamo con il contributo per gli affitti a lungo termine: a chi si rivolge?
“Il contributo pubblico andrà a vantaggio dei soggetti attuatori sotto forma di abbattimento delle rate di mutuo necessario a realizzare ogni intervento, ma con l’obbligo da parte del beneficiario di affittare gli alloggi a persone in possesso di requisiti ben definiti in base a reddito e condizione sociale. Qui si inserisce il vantaggio anche per chi affitta: i canoni dovranno essere prestabiliti e non superiori a una certa soglia”. 

Quanto costerà allo Stato questa operazione?
“L’ipotesi di investimento pubblico è di 5mila euro/anno per ciascun alloggio realizzato e per tutta la durata del mutuo, con un obiettivo complessivo di 20mila alloggi nel primo biennio, pari a circa 50 milioni all’anno di intervento statale stimato, capaci di generare un investimento immediato complessivo di circa 1,5 miliardi, oltre a una positiva ricaduta sull’occupazione”.

E per chi volesse comprare casa invece di affittare?
“Nell’ambito dello stesso programma di realizzazione di alloggi, l’ipotesi è di prevedere un contributo pubblico tra i 2mila 500 e i 3mila 500 euro/anno ad alloggio per tutta la durata dei mutui contratti da acquirenti con caratteristiche di maggiore fragilità in base ai parametri Isee”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

A Torino buoni spesa per le famiglie in difficoltà per il Covid dal 9 dicembre

Il Comune di Torino si prepara a distribuire nuovi buoni spesa per le famiglie in difficoltà a causa della seconda ondata Covid....

Covid, primo giorno di lavoro in Piemonte per i medici arrivati da Israele

I medici provenienti da Israele subito al lavoro in Piemonte per dare una mano contro il Covid nell'ospedale di Verduno.La delegazione medica...

Dpcm di Natale, Appendino: “Condivisibile nell’ottica di tutelare sicurezza”

“Non voglio commentare Dpcm che non sono ancora usciti, perchè in questo modo creiamo solo confusione nei cittadini, che hanno bisogno di...

ZTL sospesa fino al 9 gennaio

Prosegue la sospensione della Ztl a Torino. La sindaca Chiara Appendino ha firmato l'ordinanza che prolunga fino al 9 gennaio 2021 la...

Covid, in Piemonte test rapidi per il parenti degli anziani Rsa

Per le feste di Natale dalla Regione Piemonte i test rapidi Covid per chi va a trovare i parenti nelle Rsa del...