24.9 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Burrocacao per le labbra? Lo faccio in casa

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Con i primi freddi è facile ritrovarsi con labbra secche e screpolate, ma spesso i principali imputati sono anche gli ingredienti scadenti presenti in burro di cacao e balsami labbra in commercio.
Una delle sostanze più utilizzate, ma che rischia di sortire l’effetto contrario, è la paraffina, una miscela di idrocarburi solidi ricavata dal petrolio che troviamo in candele, lubrificanti, isolanti elettrici, nella patinatura della carta, oltre che nei prodotti cosmetici, come creme, oli, balsami. Viene indicata tra gli ingredienti come paraffinum liquidum, mineral oil, vaselina o petrolatum. La sua azione è quella di creare un film sulla pelle che funge da barriera protettiva contro le aggressioni di agenti esterni. Il problema è che non idrata la pelle e non la fa respirare, ostruendo i pori e favorendo la formazione di brufoli, punti neri, pori dilatati, grani di miglio e rughe. Se poi non è usata pura è addirittura cancerogena e, come tutti i derivati del petrolio, altamente inquinante.
E’ quindi importante leggere sempre molto attentamente le etichette dei prodotti che compriamo. In alternativa è possibile farli in casa, come il balsamo per labbra che proponiamo in questa semplice ricetta:
Ingredienti

7 cucchiaini di olio di mandorle dolci
2 cucchiaini di cera d’api
1 cucchiaino di miele liquido delicato
3 gocce di olio essenziale a scelta
vasetti o tubetti per contenere il balsamo
Fate sciogliere la cera e l’olio in una ciotola a bagnomaria; mentre lasciate raffreddare leggermente, sciogliete l’olio essenziale che avete scelto nel miele, e aggiungete il tutto al composto di cera e olio. Mescolate lentamente e per bene. Quando il composto sarà denso mettetelo per un paio d’ore in frigo; successivamente riempite tubetti e barattolini per portare il balsamo sempre con voi.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano