1 C
Torino
giovedì, 27 Gennaio 2022

Boeing 777 della Malaysia Airlines: avvistati 122 oggetti nell'Oceano Indiano. Ricerche difficili a per i vulcani sottomarini

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Centoventidue oggetti sono stati avvistati dai satelliti nell’area dell’Oceano Indiano in cui si sarebbe inabissato il Boeing 777 della Malaysia Airlines scomparso lo scorso 8 marzo.
I resti che arrivano fino a una lunghezza di ventidue metri e potrebbero appartenere proprio a quel volo di linea.
Le autorità avevano parlato di ghost flight: l’aereo avrebbe percorso molti chilometri con il pilota automatico mentre a bordo erano già tutti morti.
Per fare chiarezza però bisognerebbe riuscire a trovare il relitto e recuperare le scatole nere che potrebbero così raccontare gli ultimi istanti e cosa veramente sia successo.
Ma le ricerche sono più difficili di quanto si possa immaginare. Infatti, oltre alla grande profondità del mare e alla distanza dalla terraferma, c’è un elemento che complica decisamente le cose: i vulcani sottomarini.
Gli esperti hanno infatti avvertito come l’area a 2.500 chilometri a sud-ovest di Perth, nell’Australia Occidentale, abbia un fondale in continua mutazione.
In merito è intervenuto il ministro della Difesa e dei Trasporti, Hishammuddin Hussein: «Si tratta di un caso senza precedenti. Chiunque vi abbia avuto a che fare, tutto quello che abbiamo passato, mi hanno evidenziato come il lavoro da noi svolto sia stato davvero ammirevole. Non molti Paesi al mondo sarebbero riusciti a farne collaborare 26 tutti insieme – ha rivendicato con riferimento ai partecipanti alle operazioni di ricerca – Non molti Paesi – ha concluso – sono in grado di ottenere assistenza da ogni angolo del pianeta tramite la disponibilità degli aerei più sofisticati esistenti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano