19.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Bike Pride sfida l’amministrazione comunale e lancia il sondaggio: “Sì o no?”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il “Bike Pride” giunge alla sua quinta edizione, ma dopo quattro anni di promesse da parte dell’amministrazione comunale, l’omonima associazione lancia un sondaggio su Facebook per rilanciare l’argomento della mobilità alternativa  a impatto zero.
Il 26 maggio dell’anno scorso, i ciclisti torinesi e piemontesi parteciparono a migliaia all’evento e pedalando per le vie di Torino, chiesero simbolicamente un cambiamento e una svolta da parte dell’amministrazione comunale per chi, come loro, vorrebbe una viabilità più ecosostenibile.
L’uso della bicicletta infatti, come alternativa all’automobile continua a crescere di anno in anno, ma il livello di sicurezza delle strade purtroppo, continua ad essere basso.
«Zone 30, piste ciclabili, pedonalizzazioni e controlli realmente efficaci sulle strade sono rimasti suggestioni timide o proclami importanti ma fermi sulla carta, come il “Bici Plan”», si legge nel testo del sondaggio online. Ma soprattutto tanti, ancora troppi i morti e i feriti negli incidenti stradali nel 2013.
In merito alle polemiche relative al Bikepride 2014 nate sul social, Oliviero Alotto e Beppe Gamba, portavoce nazionale e coordinatore del Piemonte di Green Italia, affermano che non si può rinunciare ad un appuntamento così importante per i cittadini e continuano: «Certo, il cammino intrapreso dall’attuale Amministrazione comunale è ancora lungo, gli obbiettivi da raggiungere sono molti, e proprio per questo che non bisogna “scendere dalla sella”, ma al contrario dobbiamo continuare a pedalare nella giusta direzione. Pedalare in città è un diritto che le amministrazioni in tutta Italia devono salvaguardare, adoperandosi per garantire sicurezza e funzionalità». La risposta del sondaggio non arriverà prima della prossima settimana ma per il momento, anche dai commenti di Facebook si prevedono ciclisti arrabbiati.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano