24.9 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Berlusconi non può espatriare: niente congresso del Ppe a Dublino per il Cavaliere

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Niente congresso per Silvio Berlusconi. Il tribunale di Milano gli ha infatti negato il permesso di volare a Dublino in occasione del summit del Partito popolare europeo, Ppe, del 6-7 marzo prossimi. Al Cavaliere, dopotutto, era già stato ritirato il passaporto e di conseguenza la possibilità di espatrio a seguito della condanna in via definitiva a quattro anni di reclusione per il caso Mediaset.
«È stata applicata la legge», ha commentato una fonte giudiziaria intervistata da Radiocor, sottolineando poi che non si tratta affatto di un provvedimento ad personam ma della normali prassi applicata a tutti i casi simili a quelli del leader di Forza Italia.
Il congresso del Ppe è stato convocato per eleggere il nuovo presidente, che vedrà con ogni probabilità confermato nel suo ruolo Joseph Daul, oltre che per decidere il candidato alla presidenza della commissione europea.
Insomma, un programma importante che rende facile capire perché Berlusconi le abbia provate tutte pur di prendervi parte, forte, a suo dire, del fatto di essere il numero due del partito.
Alessandra Del Zotto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano