23.6 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Beppe Grillo: “A Torino povertà prima emergenza”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

Beppe Grillo racconta la sua esperienza torinese e l’incontro con la politica pentestellata locale sul suo blog: «Oggi sono stato a Torino dalla nostra Chiara Appendino. Ho incontrato lei, i nostri consiglieri comunali, gli assessori della giunta e i consiglieri regionali del Piemonte. Ragazzi formidabili che mi hanno raccontato come stanno agendo per cambiare la città. Hanno iniziato a sviluppare il piano per le periferie e dato il via al progetto per la mobilità sostenibile», ha scritto Grillo, che nel suo post ha dato spazio alla questione del Salone del Libro: «Ci siamo anche organizzati per dare una mano a Torino per mantenere il salone del libro qui in città e portare la prossima edizione, la trentesima, al successo come mai prima».

 
Quindi il tema del reddito di cittadinanza: «Abbiamo parlato anche della povertà, la prima emergenza a Torino e in tutta Italia. La soluzione è il reddito di cittadinanza a livello nazionale. La nostra proposta di legge è depositata in parlamento ma i partiti non vogliono neppure dibatterla. Pensano solo agli interessi loro e delle banche: mentre i poveri sono sempre di più e gli occupati sempre meno gli stipendi dei manager delle banche fallite che hanno distrutto il risparmio di migliaia di persone continuano a crescere. Il nostro primo compito è eliminare queste disuguaglianze».

 
Le motivazioni che stanno dietro all’incontro sono molto semplici a parere di Grillo: «Ho salutato Appendino perché non lo avevo ancora fatto a differenza di Virginia», con la quale «abbiamo avuto un incontro bellissimo».

 
Per chiudere Grillo ironizza sulla famosa profezia si Fassino: «A Torino sono passato nell’aula del Consiglio comunale e mi sono seduto dove Fassino fece la sua seconda profezia e ho fatto la mia sul referendum costituzionale, ma non posso rivelarla prima che venga fissata la data».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano