21.9 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Barriera di Milano, sigilli a un ristorante aperto nonostante Coronavirus

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Mercoledì scorso era stato sottoposto a chiusura provvisoria, ieri, per un ristorante di corso Palermo a Torino, è scattata la chiusura per 40 giorni.

Infatti nella serata di martedì scorso, gli agenti del Commissariato Barriera Milano arrestano per spaccio e resistenza a pubblico ufficiale. due cittadini stranieri, un gabonese e un senegalese. I due stavano cenando ristorante che sta operando in piena attività nonostante le restrizioni legate all’emergenza Covid-19. I poliziotti, udendo l’alto volume di un televisore e delle voci provenire dall’interno, accedono al locale, sebbene all’apparenza sembri chiuso visto che la serranda è abbassata. Al loro ingresso i poliziotti notano la persona di più persone, tra le quali i due cittadini stranieri i quali nelle fasi del controllo cercano di darsi alla fuga. I due vengono trovati in possesso di diverse dosi di crack. I giorno successivo per il ristorante scatta la chiusura immediata e provvisoria per 5 giorni. Anche in questa circostanza, gli agenti trovano degli avventori nel locale.

Dalla Questura spiegano che alla luce dei fatti e considerato che “il locale incide sulla quiete e sicurezza pubblica, creando turbamento al normale svolgimento dell’attività collettiva, ieri, gli agenti del commissariato hanno notificato al gestore dell’esercizio il provvedimento di sospensione della licenza per giorni 40 emesso dal Questore di Torino, con contestuale chiusura dell’esercizio”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano