27.8 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Bagarre in Sala Rossa. Gli attivisti di Prendocasa interrompono il Consiglio Comunale

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di M.D.A.

Consiglio Comunale interrotto dagli attivisti del collettivo Prendocasa, vicini al centro sociale Askatasuna. Per  protestare contro lo sfratto di una famiglia marocchina avvenuto venerdì scorso, dalla platea dove è consentito assistere alle sedute in Sala Rossa sono partite le grida di un attivista, a fianco del quale c’era l’uomo sfrattato insieme ai figli.

«Dovete prendere una posiziona chiara sugli sfratti, non c’è il rispetto per le persone, qui c’è in gioco la sopravvivenza di chi ha perso la casa» ha gridato il manifestante, al quale la sindaca ha risposto con un invito al rispetto per l’assemblea.

Il presidente del consiglio comunale Fabio Versaci ha immediatamente sospeso la seduta e su richiesta di alcuni consiglieri ha convocato una riunione dei capigruppo, per poi salire sulla balaustra per cercare di parlare con i manifestanti. I due consiglieri M5S Paoli e Montalbano e l’addetto dello staff della sindaca Xavier Bellanca avevano incontrato in giornata i manifestanti.

Dopo essere stati fatti uscire dal Palazzo Civico, alcune i manifestanti hanno improvvisato un presidio sotto il Comune, bloccando via Milano con un gazebo e delle sedie, intonando slogan e mostrando striscioni contro lo sfratto.

Lo striscione mostrato dai manifestanti sotto il comune
Lo striscione mostrato dai manifestanti sotto il comune
La bandiera mostrata dai manifestanti
La bandiera mostrata dai manifestanti
I manifestanti in presidio
I manifestanti in presidio

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano