12 C
Torino
giovedì, 22 Ottobre 2020

Asilo, minacce ad Appendino: nel mirino il negozio del marito e del cognato

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società.

Una filastrocca, inquietante. E un disegno della carta dei tarocchi, “L’appeso”. Queste le minacce apparse sulla fermata degli autobus di piazza Abba, vicino a via Bologna, in alcuni manifesti.

Recita la “Filastrocca dell’Asilo”: “Tanti affari ha l’Appendino, ha persino una boutique, un negozio qui a Torino, per bambini molto chic, due vetrine nuove nuove, via Cibrario diciannove, il suo nome è Momonittu, facci un salto pure tu“.

- Advertisement -

Di fianco, dicevamo, il disegno di una carta dei tarocchi, originariamente “L’appeso”, ma questa volta il disegno raffigura la sindaca appesa a testa in giù e con la scritta “L’Appendino”.

- Advertisement -

E l’allusione al negozio per bambini Momonittu che il marito della sindaca Marco Lavatelli e il cognato hanno inaugurato nei mesi scorsi.

Questi manifesti sono apparsi dopo il presidio che si è svolto vicino alla Circoscrizione 6, per contestare il capogruppo della Lega Alessandro Ciro Sciretti che dopo gli scontri del corteo seguito allo sgombero dell’Asilo aveva affermato, poi scusandosi, che serviva una nuova scuola Diaz.

Sui manifesti sta ora indagando la Digos. Minacce alla sindaca era apparse anche sui muri della città e dopo lo sgombero dell’Asilo e gli incidenti dei giorni successivi ad Appendino è stata assegnata una scorta.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Coronavirus in Piemonte, 11 decessi, 1550 contagiati rispetto a ieri

Undici i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 0 verificatosi oggi...

Chiusura Suk, Grimaldi attacca Ricca: “Una pagliacciata che può far scoppiare bomba sociale”

Dopo l'annuncio dell'assessore alla Sicurezza della Regione Piemonte Fabrizio Ricca di far chiudere entro metà novembre il mercato di libero scambio, il...

La 4: viaggio nei quartieri Campidoglio, San Donato e Parella

E' tra le più “piccole”, se così si può definire una circoscrizione con poco meno di centomila abitanti, che a differenza delle...

Covid, in Piemonte non si fermano i contagi. Sette decessi

Sette decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall'Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 1 verificatosi oggi. Il...

M5s, mozione di sfiducia per l’assessore Icardi. La Lega risponde: “Senza di noi non si governa”

Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle in Regione Piemonte sfiducia l'assessore alla Sanità Luigi Icardi presentando una mozione al Consiglio in...