23.3 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Archiviata l’inchiesta “Moschea in Comune”. Per Fabrizio Ricca: niente razzismo solo difesa della laicità

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo

E’ stata archiviata l’inchiesta sulla vicenda del Moschea in Comune che aveva visto come protagonista il capogruppo della Lega Nord Fabrizio Ricca insieme al consigliere Roberto Carbonero. L’episodio, che fece molto clamore e sollevò forti polemiche, risale all’agosto 2015 quando con una sorta di blitz due leghisti entrarono nella sala di preghiera allestita in Palazzo Civico prelevandone un tappeto. La “mini moschea” era stata allestita in occasione del convegno internazionale sulla moda islamica organizzato dal Comune in collaborazione con Dubai.

«Non abbiamo mai avuto dubbi sull’esito della vicenda perché le nostre ragioni erano fondate» – commenta soddisfatto Fabrizio Ricca – che spiega: «Non era un atto di discriminazione razziale ma una forte protesta contro il sindaco ed in difesa della laicità delle istituzioni. Rivendichiamo il nostro diritto a manifestare liberamente il nostro pensiero e il nostro dovere di rappresentare le nostre idee e contribuire al dibattito politico in un sistema nel quale nessuno deve essere perseguito per il proprio credo politico».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano