20.6 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Appendino vince l’Ambrogino d’oro 2016. A Torino il primo Festival della fuffa

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Chiariamo subito, giusto perchè in questo periodo basta un colpo di tosse per essere aggrediti e messi alla gogna: Appendino non ha vinto l’Ambrogino d’oro. Si tratta di una bufala. O meglio di un fotomontaggio che ironicamente cavalca le onde dei social in queste ore. Inevitabile, dopo che parte del Salone del Libro è finito a Milano insieme alla mostra di Manet, che si tirasse in ballo il premio dedicato a Sant Ambroeus patrono del capoluogo lombardo.
Qualcuno probabilmente ci è cascato, ma ormai le bufale e la realtà sono divise, almeno per quanto riguarda i social network, da un filo sottilissimo. Basti pensare a quanti a Roma per via di una foto postata su profili che cavalcano e strumentalizzano i mal di pancia delle persone abbiano realmente creduto che il candidato Pd Giachetti, in corsa contro la cinquestelle Virginia Raggi, vivesse in una casa popolare con tanto di piscina per una manciata di euro al mese. Pochi hanno rivelato che quello scatto riguardava un resort in Sardegna.
Come dicevamo stavolta è “dannata satira”. Può piacere come può non piacere.

E in un mondo dove l’Appendino vince l’ambrogino d’oro, a Capodanno Torino festeggerà con i bonghetti e sempre sotto la Mole i vari eventi culturali persi verrano sostituiti dalla prima edizione del Festival della fuffa. Va detto che a differenza di bufale e di foto che diventano catene di Sant’Antonio del falso stavolta il colpevole ha un nome e un cognome. L’autore delle tre immagini che ironizzano sulle pecche della nuova amministrazione sono figlie del pubblicitario Marco D’Angeli.
«Vista le polemica degli ultimi giorni sulle cose che vengono dismesse a Torino e sul fatto che l’amministrazione favorisce Milano, perché non assegnare l’ambrogino d’oro ad Appendino? – spiega D’Angeli –  E’ semplicemente una lettura in chiave ironica degli argomenti di dibattito. Da qualche militante del Movimento 5 Stelle è stata presa malissimo, ma d’altronde ormai la politica è diventata una questione di tifo. Altri hanno invece capito lo scherzo e ci hanno riso su».

festadellafuffa bonchettiappendinoambrogina

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano