15.3 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Amianto a Palazzo Nuovo, la protesta degli studenti 

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.


Studenti universitari e militanti del Fronte della Gioventù Comunista in protesta davanti a Palazzo Nuovo contro l’amianto presente nello storico edificio delle facoltà umanistiche. “Conquistiamo spazi salubri per studenti e lavoratori”, recitava uno striscione. “Oggi siamo qua in protesta visto che è stato recentemente riscoperto l’amianto, L’Università parlava di una bonifica che c’è stata anni fa ma che non è stata assolutamente risolutiva di quelle che sono le contaminazioni di amianto”, spiega Gabriele Pugnetti, studente.
I giovani avevano occupato tre settimane un’aula da dedicare allo studente Lorenzo Parelli, morto durante uno stage nel Friuli Venezia Giulia. “UniTo ci ha avvisato che c’era l’amianto e che era presente anche negli uffici di filosofia e un’aula dove diversi studenti si sono laureati nel corso di questi anni”. Locali che sono stati chiusi. “Chiediamo la bonifica nei tempi più celeri possibili e che tutti quegli spazi bonificati siano però messi a disposizione degli studenti perché la mancanza di spazi è molto sentita”, aggiunge Pugnetti. Durante la protesta è stata letto un messaggio mentre si stava svolgendo il consiglio di dipartimento di Filosofia, per chiedere “la garanzia di un monitoraggio costante in merito alla situazione amianto attraverso il coinvolgimento diretto di studenti e lavoratori”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano