16.8 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

Alghe nel Po, al via la seconda fase della rimozione

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

E’ stata svolta questa mattina l’operazione “Un Po più tuo”. L’insieme di interventi per l’asportazione superficiale della Myriophyllum Aquaticum, l’alga infestante esotica che è comparsa sul tratto cittadino del fiume la scorsa estate, e della Myriophyllum Spicatum, una specie autoctona, è iniziata alle otto del mattino e si è protratta fino alla tarda mattinata

Questi interventi, dopo quello dell’11 agosto scorso, sono parte del primo intervento per la rimozione e verranno proseguiti con lo sfalcio meccanico tra i ponti Umberto I e Isabella e le operazioni di verifica successive.

All’intervento hanno partecipato i rappresentanti delle società dei canottieri, i tecnici del Gruppo piante esotiche della Regione Piemonte, del Servizio di tutela della flora e della fauna della Città Metropolitana, Amiat, Arpa, Enea, Orto Botanico dell’Università di Torino, gli agenti del servizio fluviale e alcuni volontari della protezione civile. Sul posto l’assessora alla Mobilità del Comune di Torino Maria Lapietra.

La stessa assessora è poi intervenuta sull’argomento: «L’intervento di questa mattina è stato limitato, dopo quello fondamentale di agosto che aveva ridotto drasticamente la quantità delle infestanti ma ha consentito di rimuovere i piccoli cespugli affiorati».

«Seguiranno altri interventi approfonditi che effettueremo nei prossimi giorni grazie all’abbassamento del livello della diga a valle della Gran Madre e dopo la stesura all’altezza del ponte Vittorio Emanuele I di una rete a maglie da sponda a sponda che abbiamo commissionato a un’azienda genovese, e la cui preparazione è in fase di ultimazione», prosegue Lapietra, «stiamo operando manualmente, con grande cautela e in collaborazione con i ricercatori non è possibile un dragaggio indiscriminato. Per questo motivo è importante continuare nel monitoraggio costante del fiume e ci sarà altresì bisogno di una pianificazione a medio e lungo termine con interventi di pulizia e manutenzione».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano