20.7 C
Torino
giovedì, 24 Settembre 2020

Al via l’Osservatorio regionale per le RSA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Comunicato Stampa
Comunicato Stampa
Puoi inviare il tuo comunicato stampa all'indirizzo redazione@nuovasocieta.it

Parte oggi l’osservatorio RSA previsto dalla delibera della Giunta Regionale 7 agosto 2020, n. 38-1858, uno strumento importante per monitorare attivamente la situazione di uno degli ambiti più delicati con la ripresa delle attività e la crescita dei contagi Covid-19. Lo annunciano i consiglieri regionali Marco Grimaldi (LUV) e Daniele Valle (PD).
“Al tavolo però manca un elemento fondamentale, una rappresentanza degli utenti che possa fornire un punto di vista diverso ma complementare a quelli presenti e per questo motivo chiediamo che, dal prossimo incontro, i lavori dell’osservatorio si aprano anche alle rappresentanze degli utenti” commentano.
“Inoltre, l’obiettivo dell’osservatorio deve essere anche la mappatura dei malati covid, in modo da scongiurare la fase di incertezza della scorsa primavera e garantire la piena tranciabilità degli spostamenti: non possiamo permetterci di non sapere dove finiscano le persone contagiate” proseguono.

“La delibera attuale richiama il protocollo approvato con la DGR n. 2-1181 del 31 marzo 2020 (“Protocollo d’Intesa fra l’Unità di crisi della Regione Piemonte, le Prefetture, le Città Metropolitane e le Province del Piemonte”), nel quale è previsto che anche le Provincie si dotino di osservatori Rsa, questa volta con la possibilità che ci siano in essi rappresentanti degli utenti.
È fondamentale e coerente che tale rappresentanza sia prevista anche al livello regionale, specie nelle more dell’attivazione degli osservatori provinciali” concludono Valle e Grimaldi.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Appendino e Pd? Lo Russo categorico: “Nessuna alleanza”

Lo aveva già detto in più occasioni e ritorna ad affermarlo anche oggi nei giorni successivi al voto referendario e amministrativo, ultima...

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...