20.4 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Al via la fecondazione eterologa in Piemonte

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Paolo Bogliano
Il presidente della Regione Piemonte e della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino, darà il via libera operativo alla fecondazione eterologa con una delibera della Giunta piemontese, che sarà approvata nella seduta del 15 settembre. «Questa decisione è utile Perchè questo consente al ministro, che è d’accordo, di trovare le risorse necessarie». «Ora ogni Regione – continua – farà la sua parte. Per il Piemonte, ho già parlato con l’assessore Antonio Saitta, e porteremo in Giunta una delibera con la quale daremo il via operativo all’attività nei nostri centri autorizzati».
« Saitta – aggiunge Chiamparino – sta mettendo insieme un gruppo di lavoro tecnico per tradurre in chiave locale le linee generali approvate ieri in sede di Conferenza delle Regioni a Roma. Il ticket – ha aggiunto – sarà sul tipo di quello per la fecondazione omologa, che in Piemonte è sui 600 euro».«Ma io insisto – ha detto ancora – sul fatto che fra Governo e Parlamento facciano una legge, strumento che consente di aggiungere le risorse necessarie per coprire i maggiori costi. È chiaro che le linee guida approvate ieri sono già sufficienti per operare, ma se c’è la legge e’ meglio – ha concluso – perché questo consente al ministro, che è d’accordo, di trovare le risorse”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano