1 C
Torino
giovedì, 27 Gennaio 2022

Accessibilità anche per i disabili alla cattedrale di San Giovanni Battista

Più letti

Nuova Società - sponsor

Il luogo di culto più famoso della città di Torino è sicuramente la cattedrale di San Giovanni Battista. Ogni anno migliaia di torinesi e di turisti si recano presso la cattedrale per pregare oppure per riflettere sulla loro vita e ricongiungersi con Dio. Purtroppo però ancora oggi non è possibile accedere dall’ingresso principale della cattedrale per tutti coloro che soffrono di una disabilità motoria. Per accedere questi dovranno recarsi presso gli ingressi laterali. 

Di questo se ne è parlato molto in questi giorni, dato che il consigliere comunale nonché capogruppo dei Moderati all’interno del comune, Silvio Magliano, ha esposto questa problematica. 

Sicuramente in una società equa è fondamentale che ogni persona possa avere gli stessi diritti degli altri e che possa muoversi liberamente. Proprio per queste ragioni dovrebbe essere garantito a tutti l’accesso dalla porta principale ad una struttura. Questo è un problema che riguarda anche molte altre aree, infatti basti pensare che ancora oggi molti palazzi pubblici e privati sono privi di un montascale.

Questo significa che le persone con disabilità motorie e gli anziani possono avere delle serie difficoltà a muoversi liberamente. I montascale a pedana prezzi non sono neanche così elevati, dipendono da una serie di fattori, ecco perché in realtà essi  potrebbero realmente essere implementati in ogni luogo. 

La situazione odierna alla cattedrale di San Giovanni Battista

Oggi non è possibile per le persone con disabilità accedere dall’ingresso principale della cattedrale, questo potrebbe essere un grave problema se si pensa ad esempio alle funzioni, ai battesimi oppure ai matrimoni a cui non tutti possono accedere liberamente, se non dai lati della cattedrale. Se il genitore di una sposa fosse sulla sedia a rotelle sarebbe obbligato ad accedere nel giorno del matrimonio della figlia dall’ingresso laterale. 

Questo moralmente non è accettabile, soprattutto dato che esistono tantissime tecnologie e strumenti che possono permettere a tutti di oltrepassare questo ostacolo. Inoltre implementare questi strumenti non significa necessariamente andare ad intaccare il lato estetico della cattedrale. Anche perché molte soluzioni moderne ben si adattano a qualsiasi struttura e qualsiasi luogo. 

E’ importante però che si trovi al più presto una soluzione anche come dichiarato dallo stesso Silvio Magliano. Questo è un tema importante anche per i turisti che non devono veder limitata la loro esperienza nella cattedrale a causa di una problematica d’ingresso. Se questo problema non si risolvesse per tempo sarebbe un autogol da parte dell’amministrazione che ha la possibilità di intervenire per tempo per porre rimedio. 

Secondo Silvio Magliano, questo intervento lo si deve “a tutti torinesi e in particolare ai tanti che hanno portato avanti questa battaglia, a partire dal compianto Presidente della CPD Paolo Osiride Ferrero. Una città la cui cattedrale non è accessibile non può e non potrà mai definirsi una città accessibile in senso assoluto“.

Quali sono le soluzioni applicabili?

Le soluzioni applicabili per risolvere questa problematica sono diverse. Infatti potrebbe essere implementato un montascale sulla rampa di scale all’ingresso. Potrebbe esser inserito uno scivolo su cui coloro che siedono sulla sedia a rotelle possono passare quando vogliono accedere nella cattedrale. 

Ultima cosa che si potrebbe fare, anche se la più impattante dal punto di vista estetico, è quella di inserire un piccolo ascensore in grado di far superare la barriera architettonica alle persone affette da disabilità. Ovviamente quest’ultima soluzione sarebbe da evitare perché a livello estetico potrebbe rovinare la cattedrale. 

Come potrebbero beneficiarne i turisti?

Anche i turisti potrebbero avere finalmente la possibilità di accedere nel più importante luogo di culto al di là delle loro disabilità motorie. Questo sarebbe un grande traguardo per la città di Torino che finalmente renderebbe utilizzabile da tutti l’accesso principale della cattedrale. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano