15.1 C
Torino
martedì, 28 Giugno 2022

Aborto, in Piemonte tempi troppo lunghi. Viale, Pd: "La Regione intervenga"

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

In Piemonte i tempi per abortire sono troppo lunghi.
A sostenerlo Silvio Viale, consigliere comunale del Partito Democratico nonché ginecologo e responsabile del Servizio per la 194/78 (legge sull’interruzione volontaria della gravidanza) dell’Ospedale Sant’Anna di Torino, che ora chiede alla Regione Piemonte di pubblicare i dati relativi agli aborti di ospedali e consultori.
Alla base della sua affermazione e della sua richiesta, la relazione del Ministero relativa al 2012, i cui dati secondo Viale sono allarmanti e dovrebbero fare scandalo.
Al Sant’Anna, come osserva il consigliere comunale del Pd, i medici che praticano le Ivg, ovvero le interruzioni volontarie di gravidanza, sono 23 su 87. «Solo il 25,4% – afferma Viale – riesce a farlo entro le 9 settimane, mentre la media nazionale è del 41,8%, 16,4 punti in più. Addirittura un calo del 12,9% dal 2001 al 2012».
«Nessun assessore – continua il consigliere comunale – ha mai sentito il bisogno di una relazione regionale sulle Ivg che fotografasse la realtà per meglio organizzare un servizio completamente a carico della Regione per legge. Eppure basterebbe utilizzare le schede di segnalazione obbligatoria e i dati sul personale di ogni ospedale».
Il perché della netta riduzione dal 38,3% del 2011 al 25,4% del 2012, secondo Viale, potrebbe essere riconducibile al fatto che i tempi di attesa piemontesi, tra certificazione e intervento, registrerebbero ritardi in molti consultori, sin dai tempi di prenotazione.
«La RU486, che ha portato molte IVG al di sotto delle 7 settimane – spiega ancora il consigliere comunale – potrebbe avere fatto indirettamente slittare a oltre le 9 settimane una parte delle IVG chirurgiche».
Viale si rivolge poi agli assessori regionali e alla Giunta: «Per capirne di più bisognerebbe che la Regione rendesse pubblici almeno i dati sulle Ivg e sugli obiettori distribuiti per ospedale, oltre che il numero di interventi programmati per settimana, non potendoci certo accontentare del dato generale di 8848 aborti nel 2013 o di quello di 425 ginecologi (277 obiettori e 148 non obiettori) nel 2012».
«Mi rivolgo alla nuova Giunta, al nuovo Assessore e al nuovo Consiglio Regionale – conclude – perché finalmente tolgano il segreto sulle Ivg, rendano pubblici i dati sulla situazione piemontese e affrontino le Ivg al pari di ogni altro settore della sanità».
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano