4.8 C
Torino
giovedì, 1 Dicembre 2022

A.A.A. Cercasi spalatori neve (anche per la notte)‏

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La ricerca del lavoro è una cosa estenuante e di questi tempi ancora di più, soprattutto quando nella giungla degli annunci a volte distinguere quelli veri da quelli fasulli è davvero difficile. L’ultimo, strano ma vero, lo pubblica l’Anas spa, gestore della rete stradale e autostradale italiana, che in seguito alle abbondanti nevicate che hanno imbiancato gran parte del Paese, nord in particolare, è ora in cerca di spalatori, pronti ad intervenire anche di notte al di fuori degli stadi e soprattutto pronti ad intervenire in caso di chiamata improvvisa.
A Torino, la Humangest spa cerca 50 spalatori di neve, disponibili in qualsiasi momento a entrare in azione, in base alle condizioni meteo, presso lo stadio in concomitanza delle partite.
Tanti però i Comuni che hanno lanciato l’appello alla ricerca di spalatori volontari ma anche per lavoratori disoccupati alla ricerca di un impiego che li coinvolgerebbe per tutta la stagione invernale.
Come a Varese, dove ad esempio il reclutamento è aperto appunto a «disoccupati, inoccupati o dipendenti, pensionati, studenti di età inferiore ai 25 anni e percettori di prestazioni integrative del salario o sostegno al reddito».
Una volta data la propria disponibilità, in caso di nevicate improvvise, i lavoratori saranno contattati telefonicamente per comunicare l’ora e il luogo del ritrovo, dove dovranno arrivare già muniti di pala.
Insomma, le richieste di spalatori di neve non sono poche, proprio a partire da Anas spa, che come detto è in cerca di addetti allo sgombero neve per tutto l’inverno. A livello locale, invece, l’Amsa a Milano, è in cerca di 8 mila spalatori da impiegare in caso di emergenza neve. Il compenso per l’attività di circa 8 ore, prestata in orario diurno è di 100 euro lordi, corrispondenti a 75 euro netti, e in caso di lavoro notturno di 120 euro lordi, 90 euro netti.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano