17.5 C
Torino
sabato, 13 Agosto 2022

Università Torino borse di studio ai russi, consolato Ucraina protesta

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’Università di Torino pubblica un bando per venti borse di studio per studenti russi e bielorussi che “si trovano in grave situazione di difficoltà economica a seguito dell’insorgere della crisi internazionale ucraina”, e scatena le proteste del Consolato onorario dell’Ucraina in Piemonte, che chiede all’ateneo “di pronunciarsi con chiarezza sull’aggressione subita dall’Ucraina”. Dario Arrigotti, console onorario in Piemonte, definisce “quanto meno sorprendente equiparare negli aiuti economici e a parole lo stato di ‘grave difficoltà’ degli studenti russi e bielorussi a quello degli studenti ucraini”, per i quali l’Università di Torino ha pure previsto un bando per venti borse di studio. Di qui la richiesta di chiarimenti da parte del consolato, secondo cui “fin dall’inizio dell’aggressione russa l’Università di Torino, a differenza di tantissimi soggetti culturali e istituzioni locali di Torino e del Piemonte, non ha dedicato momenti di studio o discussione a quanto stava accadendo”. “Chiediamo quindi alle Autorità accademiche di UniTo di pronunciarsi finalmente con chiarezza sull’aggressione subita dall’Ucraina da parte della Federazione Russa, così come hanno fatto le Nazioni Unite, l’Unione Europea, l’Osce, il Governo italiano, la Regione Piemonte e la Città di Torino”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano