18.2 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Unito, aumentano gli iscritti. E i docenti approvano la didattica a distanza

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Nonostante il Covid l’Università di Torino cresce ancora e a sei giorni dalla chiusura delle immatricolazioni ha superato il numero di iscritti dello scorso anno. Lo sottolinea il rettore di Unito, Stefano Geuna, in occasione della presentazione di una ricerca sulla Dad, in diretta streaming con il ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi. “Quest’anno – ha spiegato – i dati provvisori sulle immatricolazioni confermano un incremento degli iscritti a nostro Ateneo. Siamo già oltre il 6% in più, il che significa che senza considerare gli ultimi giorni abbiamo già circa 1300 studenti in più rispetto all’anno scorso”. 
“Al di là del fatto che l’offerta formativa della nostra Università continua a convincere – ha aggiunto – questo dato, che è in linea con quello nazionale, conferma che giovani riconoscono il valore dell’Università anche come modo per riuscire a vivere un momento difficile come l’attuale pandemia. E’ un segnale di fiducia in un Ateneo ritenuto di eccellenza, ma anche una conferma del riconoscimento del valore della formazione in un momento così difficile”.

Venendo ai dati che riguardano la didattica a distanza la ricerca condotta da Unito ha mostrato la piena soddisfazione dei docenti per la Dad, apprezzata nel 87 per cento dei casi. Per quanto ha avuto ripercussioni sul modo di affrontare le lezioni, con un ritorno alla lezione frontale rispetto a quelle più sperimentali e interattive. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano