18.1 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Unione Industriale di Torino, Enrico Maria Rosso si candida per il dopo Gallina

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La corsa è a due, tra Enrico Maria Rosso e Giorgio Marsiaj, per chi guiderà nei prossimi anni l’Unione Industriale di Torino.

Enrico Maria Rosso, ceo di Ht&L Fitting Italia, società attiva nell’ambito dell’assemblaggio dei pneumatici auto, si è candidato alla presidenza dell’Unione Industriale di Torino, per prendere il posto di Dario Gallina dal prossimo autunno.

Ross, classe 1968, laurea in Psicologia, componente del Consiglio direttivo di Anfia e rappresentante onorario del Piemonte della Camera di commercio americana in Italia, sfida Giorgio Marsiaj fondatore, presidente e ad di Sabelt, azienda produttrice di sedili sportivi per auto di alta gamma, e attuale presidente di Amma.
“Ho maturato la decisione di candidarmi alla presidenza dell’Unione industriali di Torino mosso dalla semplice ma per me decisiva ambizione di portare un contributo di idee in un’associazione, chiamata, come tutte le rappresentanze di categoria, a immaginare un nuovo orizzonte per l’Italia – spiega Rosso in una nota – non  sono candidato contro qualcuno, e  Marsiaj  ha la mia considerazione e stima”.

“Sono persuaso che il ruolo dell’impresa, nella stagione scandita dalla pandemia, debba ritrovare una centralità sociale, abbandonare ogni forma di collateralismo con la politica locale e nazionale per riguadagnare una piena autonomia insieme a una rigorosa interlocuzione con le altre rappresentanze”, aggiunge Rosso che prosegue: ” a  Torino e al Piemonte serve un gioco di squadra, occorrono motivazioni nuove per affrontare un tornante impegnativo della lunga e confusa stagione del globalismo, troppo spesso esaltato nella sola sua dimensione ideologica mentre oggi si impone una riflessione più pratica e  correzioni indispensabili”.

“L’Unione deve diventare la ‘casa dell’impresa’, con radici solide nel territorio, costruire sinergie con tutti i soggetti istituzionali e le associazioni di rappresentanza e i portatori di interessi diffusi. La tutela dell’impresa è un segmento importante della tutela degli interessi generali”, conclude Rosso.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano