25.4 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Ultras, la curva della Lazio contro il calcio sociale dell'Ardita

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Dopo l’aggressione di stampo fascista di settimana scorsa ancora insulti per l’Asd Ardita, la squadra di calcio popolare romana.
Questa volta sono i tifosi della Lazio a scagliarsi contro il team che milita in terza divisione e nato due anni fa sulla logica dell’azionariato popolare. Infatti, in curva nord durante l’incontro di sabato sera con la Juventus è comparso una striscione dalla scritta inequivocabile: “Viterbesi liberi”, dove il riferimento è ai 9 arrestati per l’aggressione alla squadra avvenuta domenica 16 novembre durante la trasferta a Magliano Romano. Tutti sono residenti in provincia di Viterbo e legali all’estrema destra e tra di loro vi è anche Diego Gaglini, candidato sindaco per Casa Pound alle scorse elezioni comunali.
Lo stesso striscione è stato fotografato e postato sui profili Facebook degli ultras biancocelesti con tanto di insulti per la squadra dell’Ardita.
Ma la scelta di esporre quella scritta ha diviso anche la stessa curva Nord in quanto il gruppo “Laziali Antifascisti” si è dissociato dal gesto ricevendo insulti sempre tramite i social network: “Voi non siete degli ultras, ma infami come i vostri nonni partigiani, come i vostri padri e come i vostri futuri figli. Avete giocato a fare gli ultras ma siete luridi conigli”.
Intanto proprio ieri sono di nuovo scesi in campo i giocatori dell’Ardita accolti dai cori di più di 200 tifosi sugli spalti. Mentre la solidarietà si è diffusa in tutta Europa in quanto molte squadre di calcio popolare hanno esposto striscioni a sostegno del team romano.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano