19.4 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

Tritolo e armi nel bagagliaio: “Andate piano o facciamo la fine di Falcone”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Trasportavano un vero e proprio arsenale Cristian Impagliatelli e Salvatore Baracca i due uomini arrestati a Druento in provincia di Torino. C’era tanto esplosivo all’interno della loro Fiat Punto che quando i carabinieri hanno iniziato a controllare hanno detto ai militari “Andiamo piano sennò facciamo la fine di Falcone».
Quattro chili di tritolo, ma anche bombe a mano, di marca jogoslava un fucile a pompa, quattro pistole con 400 proiettili, una mitrglietta “Scorpion” e un ordigno artigiale completo di innesco. La macchina di Impagliatelli, 33 anni, di origine pugliesi, con sulle spalle precedenti contro il patrimonio e di Salvatore Baracca, sardo 34 anni incensurato, è stata notata dai carabinieri e bloccata nei dintorni di Druento, dove abita uno dei due. Durante la perquisizione del bagagliaio, i militari dell’arma hanno trovato una santabarbara: le armi erano avvolte in fogli di giornali datati novembre 2013. Dopo aver avvertito i militari della pericolosità del materiale che trasportavano, l’unica risposta che sono riusciti a dare i due uomini alle domand3 degli inquirenti è stato di aver trovato per strada dell’esplosivo.
Peccato che nel bagagliaio ci fosse anche una vanga e che sia il tritolo e le armi fossero sporchi di terra, segno che fosse stato dissotterrato. Le indagini sono condotte dal pubblico ministero Paolo Toso che dovrà capire a cosa servisse l’arsenale.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano