23.6 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Torino investe su mobilità dolce: più bici e mezzi in sharing

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

E’ stata una scommessa di questa amministrazione fin dal primo momento e così continua a essere. L’assessora alla viabilità e trasporti Maria Lapietra ha annunciato nuovi investimenti per favorire la mobilità dolce a Torino. Circa 250 aree per posteggi di mezzi in sharing, ciascuna con 4 archetti per bici più un’area libera per monopattini e stalli ai lati per le moto. Tutto questo grazie a un finanziamento di 300 mila euro dal Mit per i due filoni del Piano posteggi bici il cui avanzamento è stato illustrato oggi in Commissione consiliare. 

Per quel che riguarda gli stalli per lo sharing, 50 in centro altri 200 sul resto della città, al momento è stata realizzata la segnaletica per 52 postazioni multiple e sono stati posati una ventina di archetti. Per le postazioni di archetti per le bici, invece, ne sono stati posati 419 nelle circoscrizioni a cui si aggiungono 224 archetti su progetti mirati, ad esempio per le piste ciclabili e il progetto AxTo. E’ inoltre prevista, in primavera, l’apertura della nuova ciclostazione da 100 posti nella stazione ferroviaria di Porta Nuova. 

Fra i temi all’ordine del giorno della Commissione anche il posteggio selvaggio dei monopattini in sharing, per il quale l’assessora ai Trasporti Maria Lapietra ha assicurato massima attenzione, con la possibilità, in futuro, di multe anche ai gestori oltre che ai clienti.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano