18.7 C
Torino
domenica, 20 Settembre 2020

Torino, cercano clienti, ma trovano la polizia: denunciati per ricettazione

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Comunicato Stampa
Comunicato Stampa
Puoi inviare il tuo comunicato stampa all'indirizzo redazione@nuovasocieta.it

Continuano i rinvenimenti e i sequestri di merce di provenienza furtiva e prodotti contraffatti da parte del personale della Polizia di Stato, a Torino.

In sole 24 ore, grazie ad attività di polizia giudiziaria condotta da agenti della Squadra Volante ed ai controlli in zona Borgo Aurora effettuati da personale del Commissariato San Secondo, sono stati infatti sequestrati centinaia di prodotti e capi di abbigliamento di illecita provenienza o contraffatti.  Tre le persone denunciate per ricettazione.

- Advertisement -

Mercoledì pomeriggio, un agente di polizia libero dal servizio, appartenente alla Squadra Volante, viene avvicinato presso un autolavaggio da un venticinquenne macedone: questi gli propone l’acquisto di profumi di diverse marche e di capi di abbigliamento griffati a prezzi vantaggiosi rispetto al costo di mercato. Si tratta di merce evidentemente contraffatta. Il poliziotto si finge interessato all’acquisto e si avvicina all’auto del giovane: è un escamotage per rilevare il numero di targa. Il cittadino macedone intuisce però che la compravendita non andrà a buon fine e presto di dilegua. Accertamenti condotti sulla proprietà dell’auto conducono gli agenti della Squadra Volante, la sera successiva, ad un alloggio sito invia Lauro Rossi; all’interno, è presente proprio il ragazzo conosciuto all’autolavaggio, insieme alla madre. Durante la perquisizione domiciliare, gli agenti scovano centinaia di confezioni di profumo e di articoli sportivi contraffatti. Per il giovane, che aveva riempito fino all’orlo anche il bagaglio dell’auto della madre della stessa merce, è scattata la denuncia.

- Advertisement -

Poche ore dopo, invece, durante un servizio di ordine pubblico in zona Borgo Aurora e Corso Giulio Cesare, personale del Commissariato San Secondo ferma due cittadini rumeni di 33 e 27 anni viaggianti a bordo di una Giulietta. Gli agenti notano all’interno dell’auto 3 grossi borsoni e li ispezionano: occultate sotto degli alimenti, oltre 350 confezioni di prodotti per la persona, deodoranti, creme per il viso e per il corpo. Nessuno scontrino ad attestarne il regolare acquisto: i due connazionali non sono in grado di giustificarne la provenienza. A casa del più giovane dei due, il ventisettenne, che ha precedenti specifici per rapina ed altri reati conto il patrimonio, i poliziotti rinvengono poi un altro slot di prodotti: complessivamente, gli articoli sequestrati nell’operazione sono circa 400, per un valore complessivo commerciale di 3150 euro.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Il Covid svela il segreto di Pulcinella: precariato usato, abusato, malpagato

L'emergenza Covid sbatte in faccia, a chi faceva finta di non vedere, l'uso e l'abuso del precariato nel mondo del lavoro che...

Recovery Fund e agricoltura, Carenini (Cia Piemonte): “Fondi per rilanciare il settore”

Agricoltura, patrimonio della nostra economia. Un settore che durante il lockdown non si è è fermato, e che oggi conta di poter...

Febbre a scuola, il Tar respinge il ricorso del Ministero contro l’ordinanza di Cirio

Il Tar del Piemonte non ha accolto la richiesta del Governo di una sospensiva d’urgenza in via monocratica per l’ordinanza della Regione...

No Tav, Dana Lauriola è stata arrestata. Tensione tra attivisti e polizia a Bussoleno

E' avvenuto questa mattina all'alba l'arresto di Dana Lauriola, storica attivista No Tav e militante del centro sociale Askatasuna, condannata a due...

RU 486, Appendino contro la Regione: “Becera propaganda sul corpo delle donne”

La sindaca di Torino Chiara Appendino interviene in merito alla proposta della giunta regionale del Piemonte di abolire la somministrazione della pillola...