26.9 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Torino 2006, i ricordi di Evelina Christillin: la signora delle Olimpiadi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dieci anni fa. Febbraio 2006. Diciassette giorni che cambiarono Torino. E, probabilmente, anche il modo di pensare dei torinesi. Da città delle fabbriche a capitale dello Sport grazie alle Olimpiadi invernali. Poi, a fiaccola spenta, qualche polemica, tanti debiti lasciati in eredità come è accaduto anche in altre città, ma una spinta importante per il turismo.

Evelina Christillin, oggi presidente di Enit e del Museo Egizio di Torino, allora presidente esecutivo del comitato promotore di Torino 2006, non ha dimenticato la magia di quei giorni. «L’Olimpiade di Torino è stata tutta un’emozione, ma forse la sensazione più intensa l’ho provata quella mattina di giugno ’99 a Seul, quando il Cio ha proclamato la sua scelta per i Giochi Invernali del 2006. Avevamo portato a casa un risultato che sembrava impossibile, battendo la grande favorita, la svizzera Sion. E c’era ancora l’Avvocato», ricorda Evelina Christillin.
The winner is Torino“, la vincitrice è Torino: «Eravamo una ventina a lavorare in quel comitato, ci avevamo messo l’anima per un anno e mezzo, ma sembrava talmente difficile spuntarla e pochi al di fuori di noi ci credevano davvero. Ma ce l’abbiamo fatta – continua Christillin – e sono stati Giochi apprezzati in tutto il mondo, preparati in sette anni molti intensi».
Proprio Christillin, insieme a Valentino Castellani, sindaco di Torino, presentarono nel giugno del 1998 a Siviglia la loro Olimpiade e un anno dopo arriva l’annuncio di Juan Antonio Samaranch. Oggi cosa è rimasto?
«Torino 2006 – spiega Evelina Christillin – ha lasciato infrastrutture ed impianti ed un’eredità immateriale altrettanto importante, se non ancora di più: i Giochi hanno evitato di fare sprofondare Torino nel declino ed hanno restituito orgoglio e senso di appartenenza ai suoi cittadini. Di certo, il merito del progetto strategico per la nuova era di Torino è in buona parte delle amministrazioni cittadine guidate prima da Castellani e poi da Sergio Chiamparino, ma l’organizzazione dei Giochi ha fatto da volano a questi programmi, è stato il propellente».
«Prima delle Olimpiadi Invernali – continua -pochi in Asia o in America sapevano davvero dov’era Torino ed il Piemonte, ora la città e la regione sono diventate una meta turistica. Ed un altro bellissimo lascito olimpico sono stati i volontari: è stata costruita una rete sociale straordinaria che è ancora in buona parte attiva per tante manifestazioni». Però non bisogna dimenticare quelle strutture abbandonate.
«Qualche “buco nero” è rimasto: il villaggio di Torino e soprattutto la pista per bob, slittino e skeleton di Cesana. L’avevamo sempre detto che quell’impianto non andava costruito, sapevamo che sarebbe stato uno sfregio ambientale e che sarebbe stata problematica la gestione post-olimpica; dalla Francia c’era stata l’offerta di La Plagne di ospitare le gare olimpiche, e ci avrebbero anche dato una quota, ma c’è chi ha insistito per l’impianto nuovo».
Ma il bilancio dei Giochi di Torino 2006 a 10 anni di distanza resta positivo per la signora delle Olimpiadi: «Hanno portato l’eccellenza italiana nel mondo ed oggi fa piacere che il comitato organizzatore di Pechino 2022 si rivolga proprio noi per avere indicazioni sull’allestimento dei loro Giochi: Torino 2006 è una best practice riconosciuta».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano