21.6 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Terrore a Tunisi: strage al museo Bardo. Tre italiani uccisi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il caos a Tunisi, capitale della Tunisia, è esploso con il tentativo di attacco del Parlamento da parte di tre uomini travestiti da soldati. Dopodiché i terroristi hanno rapito un gruppo di turisti all’interno dell’adiacente museo del Bardo. Colpi di arma da fuoco sono stati sparati dalle forze di sicurezza all’entrata del museo. Più di 200 turisti erano dentro il museo.
L’assalto dei terroristi dentro lo stabile ha prodotto la strage. Il bilancio al museo del Bardo è di 19 morti, di cui 17 turisti e successivamente, con il blitz delle forze speciali tunisine, due terroristi. Tra i morti ci sarebbero italiani, tedeschi, polacchi e spagnoli. «Questa sarà una guerra lunga: dobbiamo mobilitarci a ogni livello, tutti insieme, tutte le appartenenze politiche e sociali per lottare contro il terrorismo. Serve unità nella difesa del nostro paese che è in pericolo» ha detto il premier tunisino, Habib Essid.
Gli italiani a Tunisi fanno parte di un gruppo di turisti in crociera. Otto italiani sarebbero rimasti feriti durante l’attacco. La Farnesina ha comunicato che sono un centinaio i connazionali messi in sicurezza. Ci sarebbe un gruppo di dipendenti del Comune di Torino tra gli ostaggi italiani al museo del Bardo. Una coppia di ebrei romani è riuscita a sfuggire dall’attacco. Il presidente del consiglio Matteo Renzi ha condannato l’attentato di Tunisi.
– Tunisi, dipendenti comunali di Torino in ostaggio dei terroristi. Diretta

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano