18.2 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

Teatro Regio, le Rsu replicano a Giovara: “Le sue affermazioni ci offendono”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Le Rsu del Teatro Regio di Torino in una nota stigmatizzano le parole del consigliere comunale del M5s e presidente della Commissione Cultura in Comune, Massimo Giovara, che avrebbe difeso sulle pagine di alcuni quotidiani il lavoro di Graziosi, l’ex sovrintendente Graziosi, sostenendo che il suo era un piano industriale di qualità, purtroppo “ostacolato”, e che ora “il commissariamento sarà l’occasione per portarlo a termine”.

“Dopo aver assistito, negli ultimi tempi, a una ingerenza politica inaccettabile, che nulla ha a che vedere con la missione del Teatro Regio di diffondere musica e cultura, le lavoratrici e i lavoratori non sono più disposti a leggere o ascoltare dichiarazioni di discredito nei propri confronti, e si riservano pertanto la possibilità di procedere nelle sedi più opportune”.

“Tali affermazioni – scrivono le Rsu – se non circostanziate con fatti e nomi precisi, non sono che opinioni e dichiarazioni politiche atte a infangare il buon nome e l’alto valore professionale ed artistico dei dipendenti del Teatro. Inoltre nel biennio di amministrazione pentastellata nessun dirigente ha mai presentato al tavolo sindacale una sola azione del piano di sviluppo: se non è stato dato avvio al percorso di risanamento, pertanto, la responsabilità è da ascrivere esclusivamente alla parte datoriale”. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano