20.9 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Salvini, processo per vilipedio: rinviato a novembre per legittimo impedimento

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Rinviato al 5 novembre il processo, a Torino, che vede imputato il ministro dell’Interno Matteo Salvini, accusato di vilipendio dell’ordine giudiziario. Il vicepremier è sotto processo per alcune sue dichiarazioni fatte durante un congresso della Lega a Collegno, il 14 febbraio 2016.

Infatti, riferendosi all’inchiesta della Procura di Genova sulla Rimborsopoli dei consiglieri regionali liguri, il leader della Lega aveva detto «difenderò qualunque leghista venga indagato da quella schifezza che è la magistratura».

L’avvocato difensore di Salvini, Claudia Eccher, convocherà tra i testimoni un docente universitario che dovrà “riferire sulla natura inoffensiva” delle parole del vicepremier.

Se verrà accettato come testimone il professore parlerà del significato delle parole, delle locuzioni e delle espressioni attribuite a Salvini durante il comizio.  «Con il tempo – ha detto l’avvocato Eccher – il linguaggio cambia e ci sono espressioni che perdono la loro carica di offensività. Vorrei anche ricordare che frasi assai più pesanti indirizzate a Salvini sono state considerate accettabili, o veicolate nell’alveo della critica politica, anche in sede giudiziaria». Il legale ha inoltre ribadito che Salvini intende essere presente al processo, che è stato rinviato per legittimo impedimento, visto che oggi il ministro  si trovava per impegni istituzionali a Trieste.

 

 

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano