23.6 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Saldi a Torino: incremento nelle vendite. E i turisti spendono di più

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I saldi ai torinesi sono piaciuti. È stata infatti un’occasione per mettere mano al portafoglio. Come è ormai consuetudine i cittadini del capoluogo piemontese hanno aspettato con trepidazione l’arrivo dei ribassi, tanto che le spese natalizie erano state in calo.
A registrare questa tendenza è stata l’Ascom, l’associazione commercianti, che nei primi quindici giorni di vendite ha evidenziato un incremento del 2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Cresce anche il valore dello scontrino, ovvero quanto in media è stato speso: se nel 2012 era 105 euro, quest’anno è di 115 euro.
Come detto un leggero miglioramento che però non ha portato i commercianti a fa saltare i tappi di italico (visto il sempre presente clima di risparmio) spumante. Il loro è un ottimismo, sempre secondo l’Ascom, moderato. Cauto, sarebbe più giusto dire, visto che la tempesta non è ancora passata . Ma comunque c’è soddisfazione negli addetti ai lavori. Soprattutto per quanto riguarda il settore abbigliamento: «Finalmente un segno più – conferma Francesco Cena, presidente del sindacato abbigliamento dell’Ascom torinese – per un settore come il nostro che da anni non vantava un segno positivo neppure con i saldi».
Inoltre emerge un altro dato: l’incremento va a pari passo delle presenze turistiche a Torino. Tradotto chi viene in città approfittano dell’occasioni. Soprattutto il turisti che arrivano dai Paesi dell’Est, che fino a poco tempo fa concentravano le loro spese a Milano, ma che oggi si sono accorti di ciò che può offrire la nostra città. «Possiamo affermare – dice, infatti, la presidente dell’Ascom Maria Luisa Coppa – che il business dei saldi e dello shopping è strettamente legato all’incremento delle presenze turistiche».
«Le vendite di queste settimane, a Torino un ritorno al negozio tradizionale, o storico, dove il prezzo scontato non riduce mai la qualità del prodotto e del servizio».
«Non so – conclude la presidente Coppa – se si possa già parlare di vera e propria inversione di tendenza, ma certo la situazione appare in lieve miglioramento rispetto a quella degli anni passati. Ora ciò che chiediamo sono risposte concrete e di rapida esecuzione, da parte di Governo e istituzioni, affinché sia possibile mettere in campo tutte le condizioni per ripristinare un clima di maggiore fiducia per il futuro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 
 
 
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano