16.2 C
Torino
mercoledì, 27 Maggio 2020

Ricoverato per Coronavirus scopre di avere un tumore

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuovasocietà. Caporedattore dal 2017. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano.

Probabilmente se non fosse stato per il Coronavirus non avrebbe scoperto in tempo di avere un tumore. Ad un giovane positivo al Covid-19, che si era presentato al pronto soccorso di Ciriè, in provincia di Torino, in crisi respiratoria, oltre al virus è stato diagnosticato un tumore alla trachea. Lunedì scorso i medici sono intervenuti per asportarlo.

Da Ciriè il giovane è stato trasferito al San Giovanni Bosco, il paziente è stato messo nelle cure di un’équipe rianimatoria coordinata dal dottor Sergio Livigni del nosocomio torinese in collaborazione con lo staff della Città della Salute di Torino, che ha messo il giovane in circolazione extracorporea e lo ha trasferito presso la Rianimazione di riferimento dell’ospedale Molinette, diretta dal professor Luca Brazzi.

- Advertisement -

Qui l’intervento, eseguito dal dottor Paolo Solidoro, broncoscopista della Pneumologia universitaria delle Molinette diretta dal professor Carlo Albera del Dipartimento Cardiotoracico e Vascolare, diretto dal professor Mauro Rinaldi, con la supervisione del dottor Rosario Urbino coadiuvato dalla sua équipe anestesiologica .

- Advertisement -

Visto il contagio ci sono voluti circa 90 minuti per vestire, con tanto di scafandro e casco dotato di ventilazione interna con filtro, l’equipe che ha eseguito l’intervento. Un’operazione durata un’ora e mezza, per togliere una massa tumorale di due centimetri che ostruiva, come detto, la trachea al 90-95%, impedendo la ventilazione.

“Il reperimento delle protezioni – spiega Solidoro – è stato fatto dal gruppo diretto dal professor Brazzi, che è riuscito in tempo rapidissimo a ottenere tutte le vestizioni. L’intervento in sé è durato due ore e un quarto. Con le protezioni si lavora in assoluta sicurezza ma in modo più impacciato”.

“Anche se in medicina non c’è mai nulla di certo – aggiunge – ora il paziente sta bene e dovrebbe cominciare a respirare da solo. La cosa fondamentale è che in un momento nel quale il sistema sanitario è particolarmente sofferente, grazie al sacrificio e collaborazione di tutti si riescono a fare anche cose come questa”.

“Si è trattato di un intervento complesso a prescindere e tutta la procedura si è svolta in un reparto protetto, con la complicazione in più dei tempi di vestizione imposti a chiunque avesse dovuto entrare in sala operatoria durante l’operazione.

“Questo caso – conclude Brazzi – dimostra che anche nell’attuale emergenza gli ospedali continuano a lavorare, e che nonostante tutto l’organizzazione sanitaria funziona. E’ un messaggio importante che deve arrivare ai cittadini”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Piemonte, obbligo di mascherina anche all’aperto per il ponte del 2 giugno

Obbligo di mascherina anche all'aperto nei giorni del ponte del 2 giugno, in Piemonte, come ha spiegato ai microfoni della trasmissione 'Centocittà'...

Il rettore del Politecnico Guido Saracco: “Riaprite le scuole”

Il rettore del Politecnico di Torino, Guido Saracco, primo ospite degli Avio Aero Talk, appuntamenti virtuali organizzati dall'azienda per i propri lavoratori, spiega...

Ma qualcuno si degna di controllare il cantiere del complesso universitario Aldo Moro?

Osservando da vicino il cantiere del complesso edilizio Aldo Moro, dove sta sorgendo il cosiddetto campus urbano dell'Università di Torino, non si...

Un anno di Giunta Cirio, Grimaldi (LUV): “Sotto gli annunci niente”

“Dopo il primo anno di governo della Regione, il Presidente Cirio annuncia che rifarebbe tutto nello stesso modo. Cioè niente! Abbiamo vissuto...

Sardine triste, solitario y final

Hanno bussato le porte di chiunque, scendendo in piazza con la qualunque. Un solo obiettivo: come avviene solo durante le dittature, contestare...