18.2 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Resistenza agli sfratti a Torino: il caso di Anna

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Anna è l’esempio del dramma che molte persone vivono a Torino passando in breve tempo da una condizione economica “tranquilla” al totale disagio.
Anna, impiegata e sposata con un manager, viveva dal 1986 insieme alla sua famiglia in un appartamento oggi sotto sfratto. Una vita tranquilla e agiata ma la favola si chiude con la separazione e le disposizioni del Tribunale Civile del 2008. Nel momento del divorzio la donna perde il lavoro. Dal 2012 l’ex marito smette di pagare il mantenimento lasciando Anna e i figli nell’indigenza. Nonostante appelli e condanne del marito questi non ha riconosciuto più nulla ad Anna che intanto ha ricevuto anche la notifica di sfratto.
La donna ha subito fatto richiesta per ottenere l’emergenza abitativa e la casa popolare, ma sono state entrambe negate in quanto, al lor dire, il marito continua a pagare e lo stato di morosità preclude la possibilità di iscriversi alla lista per le case popolari.
Martedi 19 novembre per Anna ed i suoi figli, come detto, lo sfratto diventa esecutivo e loro finiranno in mezzo ad una strada.
Per questo è stato indetto un presidio antisfratto alle ore 6 dell mattino in via Ormea 12.
Altri sfratti sono previsti nella giornata: in corso Agnelli 100 e in via Braccini 95. Per questo il movimento cittadino di lotta ha indetto il “blocca sfratto day” tenterà anche di bloccare gli sfratti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano