20.8 C
Torino
venerdì, 12 Luglio 2024

Renzi ringrazia il Cottolengo: orgoglioso di un paese che crede nell’umanità

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

Ha voluto utilizzare come sua consuetudine i social e per ringraziare il Cottolengo dell’ospitalità. Ma non solo per quello. Matteo Renzi in un post Facebook scrive: «orgoglioso di un paese che crede nei valori di umanità. Grazie al Cottolengo per l’emozione di stamani». E poi lo correda con le foto della sua visita, che pubblichiamo.

La giornata torinese di Renzi è iniziata proprio qua, nella città dentro la città, come veniva chiamata un tempo la piccola casa della divina provvidenza. Ha visitato la scuola e ha risposto alle domande degli alunni di seconda media, ammettendo che gli piaceva andare a scuola. E a chi gli ha chiesto cosa cambierebbe del sistema scolastico oggi ha usato un personaggio caro ai ragazzi, Hatty Potter: se avesse la bacchetta del maghetto più famoso del mondo, ha spiegato, Renzi vorrebbe una scuola «più aperta, più attenta alle barriere architettoniche e in cui si facesse più sport».

renzi cottolengo

La mattina al Cottolengo è iniziata con la stretta di mano a Don Andrea Bonsignore, il rettore della scuola, e al padre generale Don Lino Piano, che l’ha accolto dicendogli che è il primo presidente del Consiglio a varcare quelle porte. Nell’auditorium ha ricevuto il benvenuto di uno studente disabile e ha scherzato anche sul calcio, rivolgendosi così a un ragazzo: «tu sarai sicuramente della Juve, io della Fiorentina, ma la cosa importante è rimanere sempre fedeli alla propria squadra del cuore. Diffidate da chi la cambia».

renzi cottolengo

«Sono dispiaciuto –ha detto il Renzi– di essere il primo premier a venire qua. Di sicuro non sarò l’ultimo, anche se mi auguro che per il prossimo passerà altro tempo».

«Questa scuola -riferendosi al Cottolengo- è l’esempio che oltre ai numeri e alla crescita del Pil c’è una dimensione umana che va alimentata e coltivata».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano