23.2 C
Torino
sabato, 15 Agosto 2020

Regio sottozero

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Drake
Drake
Sir Francis Drake nato il 13 luglio 1540. Navigatore e corsaro inglese. Collabora con Nuova Società dal 2017, con la rubrica "I corsivi del corsaro". Una leggenda narra che quando si è in pericolo basta battere sul suo tamburo per vedere le vele delle sue navi all'orizzonte e giungere in soccorso.

Non è più musica, non è più melomania, non è più cultura, è soltanto un cocktail di vacuità con una spruzzata di insipienza ciò che accade al Regio di Torino.
“Anno zero per il Regio” ha titolato generosamente La Stampa in una pagina di cronaca. Apprezzabilmente generosa in questo caso la busiarda. Perché il Regio – dopo le dimissioni del sovrintendente Walter Vergnano, la porta sbattuta alle sue spalle, il direttore d’orchestra, il maestro Gianandrea Noseda, accompagnato da un sonoro “sono disgustato” – vive oggi sottozero, congelato.
È congelato nelle sue capacità artistiche, nelle sue prospettive di tournée, è come un animale inseguito da bracconieri che lo vogliono scuoiare vivo, senza comprendere che si tratta di un essere vivente in via di estinzione: è un panda con pentagramma e libretto d’opera.
Ma a Palazzo Civico sembrano muoversi come tanti zombie, incuranti del valore che cancellano, desiderosi soltanto di vendetta, di rivalsa. E quando non si hanno argomenti per difendere scelte discutibili e pericolose per il futuro dell’Ente, ecco comparire la scusa buona per tutte le stagioni: “costa…”.
Così ha detto querula l’assessora alla cultura Francesca Leon, riferendosi alla tournée in America. Già vivere costa, cara assessora, lo diciamo spesso, ma l’alternativa è il suicidio, ed è proprio ciò che non vogliamo per il Regio.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “L’esperienza di Appendino e dei Cinque Stelle sulla pelle dei torinesi”

Il senatore del Partito Democratico Mauro Laus commenta le ultime esternazioni della sindaca di Torino Chiara Appendino, che si è detta d’accordo...

Concorso per dirigenti Comune di Torino, terza puntata: la riammissione

“Più che un concorso sembra una giallo a puntate”, così alcuni concorrenti hanno commentato le novità pubblicate ieri dalla commissione dell’ormai famoso...

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...