20.4 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

Referendum sulla Ztl a Torino, Appendino chiede una verifica tecnica

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un referendum sulla delibera di giunta che riguarda la nuova Ztl a Torino si può fare o non è ammissibile dai regolamenti? Questo è il tema di questi giorni, in cui i commercianti torinesi, con l’appoggio dell’opposizioni in consiglio comunale, chiedono una consultazione popolare per far decidere ai torinesi se vogliono, come invece è stabilito dalla delibera della maggioranza pentastellata, un cento città a pagamento. Una votazione che per alcuni è possibile e che invece per il Movimento Cinque Stelle non sarebbe prevista.

Per sciogliere questo nodo servirà una verifica tecnica sul regolamento, come spiega la sindaca di Torino Chiara Appendino: «Abbiamo chiesto di fare una verifica tecnica – dice Appendino, che aggiunge – Vorrei scindere la questione politica dalla questione tecnica ci sono statuti e regolamenti che prevedono se sia ammissibile o no, non è una scelta politica».

«La prima cosa che faremo è capire e dare un’informazione corretta rispetto all’ammissibilità del quesito, poi ci sarà un’eventuale discussione politica. Ma in questo momento – conclude la sindaca – siamo ancora nella fase di verifica tecnica che si fa a prescindere dal tema oggetto dell’eventuale referendum».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano