20.6 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

Processo Stamina, Vannoni: “Ero un paziente entusiasta, volevo aiutare la ricerca”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Ero solo un paziente entusiasta, volevo aiutare la ricerca». Lo ha detto il padre del metodo Stamina Davide Vannoni durante il processo per tentata truffa alla Regione Piemonte, che si svolge al Tribunale di Torino. L’ideatore del controverso metodo, indagato per aver chiesto 500 mila euro per lo sviluppo in laboratorio delle cellule staminali, ha risposto alle domande del pubblico ministero Giancarlo Avenati. Il finanziamento, concesso in un primo momento, era stato poi ritirato dall’ente regionale.
«Io ero molto contento della terapia, avevo avuto un recupero dei muscoli facciali del 30 per cento. Le strade potevano essere due: lasciare i biologi in Ucraina e portare lì i pazienti o cercare di portare questo know how in Italia» ha affermato. Sarebbero questi, secondo lui, i motivi che lo avrebbero portato a chiedere quei 500 mila euro. «Era l’unico modo – ha concluso – per portare i biologi ucraini in Italia e far sviluppare la metodica nel nostro Paese».

@elisabellardi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano