16.6 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Processo No Tav a porte chiuse per proteste degli attivisiti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Bandiere No Tav sventolano davanti al Palagiustizia di Torino. Un presidio di attivisti che si oppongono all’alta velocità in Valsusa in occasione dell’apertura del processo a tre No Tav che a novembre del 2012 avrebbero impedito a un poliziotto in borghese di scattare delle foto al cantiere Tav di Chiomonte.
Uno dei tre imputati è in carcere dal 9 dicembre per un assalto al cantiere avvenuto nel maggio scorso.
Durante il processo a causa di alcuni cori degli attivisti, in un primo momento, il giudice li ha fatti allontanare, ma quando i pubblici ministeri Andrea Padalino e Antonio Rinaudo si sono opposti alla richiesta della difesa di far sedere al banco accanto a lei uno degli imputati, che era in cella poiché detenuto, è scoppiata nuovamente la bagarre. E così il giudice ha deciso di continuare il processo a porte chiuse.
I No Tav hanno così deciso di sfilare in corte per le vie della città con uno striscione su cui c’è scritto «Se è terrorismo difendere la terra siamo tutti terroristi. Libertà per Chiara, Nicco, Mattia, Claudio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano