25.2 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

Piemonte zona gialla, ecco cosa riapre dal 26 aprile

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Piemonte in zona gialla da lunedì 26 aprile, ancora si attende la conferma che, come sempre arriverà a ridosso del fine settimana, ma i numeri in constante discesa dei contagi fanno ben sperare. 

Il passaggio in zona gialla, inoltre, coinciderebbe con una serie di nuove riaperture che consentirebbe il decreto a cui il governo Draghi sta lavorando in queste ore.

Tra le misure più chiacchierate quella della riapertura di bar e ristoranti per il servizio al tavolo. Sarà infatti possibile per i locali offrire pranzo e cena, entro le ore 22, ma solo all’aperto, dunque per chi ha dehors o tavoli esterni. Quattro i commensali ammessi allo stesso tavolo. Mentre per i servizi al chiuso si parla di riaperture solo a giugno. 

Restano aperti tutti i negozi, mentre è confermata la chiusura dei centri commerciali, ad eccezione di alimentari e beni essenziali, nel weekend ancora per qualche settimana

Piemonte zona gialla: riaprono musei, teatri e cinema

E si torna anche nelle sale cinematografiche e teatrali e nei musei. Capienza dimezzata per teatri e cinema dove i biglietti dovranno essere acquistati online per calcolare il numero di posti presenti. Mascherine obbligatorie durante tutto lo spettacolo e distanza minima di un metro a meno che non si sia conviventi. Comunque il numero di spettatori non potrà essere più di 500 al chiuso e mille all’aperto.

Per i musei le riaperture sono per ora solo nei giorni feriali e con ingressi contingentati e in linea con tutte le misure di prevenzione da sempre adottate (mascherine, igienizzazione delle mani e misurazione della temperatura). 

Piemonte zona gialla: gli spostamenti

Libertà di spostarsi al di fuori del proprio comune se si è in zona gialla. Si potrà andare nel resto della regione senza autocertificazioni e spostarsi in regioni gialle confinanti. Per tutti gli altri casi invece sarà necessario essere in possesso della green card che attesti di essere immuni al Covid o di aver fatto un tampone con risultato negativo. 

Confermata anche la possibilità di fare visita a parenti e amici, ora in quattro per volta e non più in due, oltre a figli minori. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano