20.9 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

Piemonte, da Lampedusa a Settimo, 100 profughi per la quarantena

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

ll gruppo consiliare della Lega a Palazzo Lascaris segnala che un centinaio di immigrati provenienti da Lampedusa potrebbero trascorrere la loro quarantena Covid nel centro di accoglienza “Fenoglio” di Settimo Torinese, mentre altri 46 saranno dirottati a Castello d’Annone, vicino Asti

“Questo è la riprova del fallimento delle politiche del governo che, neppure nel mezzo della pandemia cerca di fermare gli sbarchi. Il premier Conte e il ministro Lamorgese aprono i porti e il Piemonte si trasforma in un campo profughi – dice il capogruppo Alberto Preioni – i nostri territori non possono subire un possibile ritorno della pandemia come è già accaduto in Basilicata”.

“La Regione ed i piemontesi stanno impiegando tutti gli sforzi possibili per ripartire dopo il duro colpo inferto dal Covid – aggiunge il consigliere Gianluca Gavazza – non possiamo rischiare alimentando nuove preoccupazioni. Stiamo lavorando affinché ritorni in Piemonte il turismo, non vogliamo essere noi a dover pagare la presenza degli immigrati.” Per Andrea Cerutti, vicepresidente del gruppo “si tratta dell’ennesima imposizione dall’alto in materia di immigrazione”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano