27.6 C
Torino
martedì, 16 Luglio 2024

Piazza San Carlo, chiesto il rinvio a giudizio per Appendino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I pubblici ministeri Antonio Rinaudo e Vincenzo Pacileo hanno chiesto il rinvio a giudizio per i fatti di piazza San Carlo per la sindaca Chiara Appendino e per altri 14 indagati.
L’accusa è di omicidio colposo, disastro e lesioni colpose ed è già sul tavolo del gup e molto probabilmente il ritorno dalle vacanze coinciderà per Appendino con l’udienza preliminare.
Come detto assieme a lei sono altre 14 le persone per cui i pm hanno chiesto il rinvio a giudizio, tra cui il suo ex capo di gabinetto Paolo Giordana e l’ex questore di Torino Angelo Sanna. Oltre a dirigenti comunali e i vertici di Turismo Torino, insomma tutta la catena di comando che aveva il compito di organizzare la sera del 3 giugno 2017, un giorno che doveva essere di festa e conclusosi in tragedia, con il ferimento di oltre 1500 persone e la morte di Erika Pioletti.
Secondo la Procura, che si avvalsa della consulenza tecnica dell’architetto Mauro Esposito, è che la proiezione della finale di Champions League Juventus-Real Madrid non venne organizzata nei migliori dei modi e doveva essere annullata. Il panico, secondo gli investigatori, sarebbe stato scatenato dall’utilizzo di spray al peperoncino, spruzzato tra la folla da un gruppo di giovani che avevano l’intenzione di scippare i presenti. Un’inchiesta però che non c’entra con il rinvio a giudizio per i 15 indagati.
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano